fbpx

Non sappiamo se esista una stagione perfetta. Non sappiamo neanche se avremo mai più la possibilità di vedere un atleta di questo tipo. Però conosciamo i numeri che hanno portato Cristiano Ronaldo a vincere (stravincere) il suo 4° Pallone d’Oro.

48 presenze e 51 reti con il Real Madrid, 16 reti su 12 partite in Champions League. Vinta. Tutti si sarebbero aspettati un europeo sottotono con il Portogallo, come del resto un po’ CR7 ci ha abituato nelle competizioni che coinvolgono le nazionali.

cristiano-ronaldo-real-madrid-champions

In realtà ci ha stupito ancora una volta, trascinatore nella fase a gironi, poi in calo, ma sempre “Leader”, una qualità che si conquista anche fuori dal rettangolo verde di gioco. Ha vinto l’Europeo in finale contro la Francia, paese ospitante e strafavorita.

Inevitabile la consacrazione di uno dei premi più scontati degli ultimi anni, divisi “quasi” equamente con l’altro alieno del calcio Leo Messi. Ci domandiamo spesso cosa sarebbe successo se uno dei due non ci fosse stato, se il “mordente” e la voglia di superare l’altro sarebbe stata la medesima.

cristiano-ronaldo-portogallo-campione-europeo

Ovviamente non poteva esserci occasione migliore per Nike di festeggiare assieme al talento di Madeira la propria vittoria (il tempo per organizzarsi l’hanno sicuramente avuto…) consacrando la stagione con una scarpa creata ad hoc per lui in tiratura super limitata, solo 777 pezzi nel mondo.

Sottolineiamo come questo sia l’abbinamento più gradito a Cristiano, che ama davvero il bianco negli scarpini e già aveva apprezzato la suola interamente “gold” nelle Nike Mercurial. Il risultato è sicuramente d’impatto, ma possiamo dire adatto per l’occasione.

Ecco la galleria che vi mostra le Nike Mercurial Superfly CR7 “Vitorias”: