SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Dopo la divisa casalinga dedicata al Colosseo è sempre la città eterna a ispirare Nike per la seconda maglia della Roma 2016-2017.

Secondo il brand americano, infatti, il colore riprende i toni che si possono ammirare sui monumenti cittadini: il marmo, la sabbia e la pietra usati per costruire l’antica Roma.

Il lupetto sulla maglia away della Roma 2016-2017

Seconda maglia Roma 2016-2017

La novità più gradita sul bianco marmoreo è il ritorno in auge del mitico Lupetto ideato da Piero Gratton, utilizzato in pianta stabile sulle maglie (anche casalinghe) dal 1978-79 al 1996-97. Sulla casacca away era assente dal 2012-13, l’ultima stagione di Kappa.

Lo stemma con il Lupetto inserito in un cerchio bordato di giallorosso è un tributo per i 90 anni che il club festeggerà il prossimo anno.

Seconda maglia Roma 2016-2017

Il colletto è a girocollo, evidenziato da una riga rossa, e sul retro è arricchito dalla scritta “AS Roma”. Immancabile la striscia sui lati del modello Nike, in questo caso rossa con uno sfondo giallo che compare solo quando essa viene espansa.

Infine sempre rossi sono i nomi e i numeri stampati sul pannello posteriore. I pantaloncini e i calzettoni sono bianchi con inserti rossi rispettivamente sui fianchi e sul polpaccio.

Divisa Roma away 2016-2017

Presentazione dal vivo a Roma

Dopo il lancio sul web la nuova divisa away è stata svelata presso un Roma Store di prossima apertura in via del Corso, a indossarla c’erano Francesco Totti, Kevin Strootman, Radja Nainggolan e Juan Jesus. Insieme a loro il mister Luciano Spalletti e 50 tifosi giallorossi che hanno avuto il piacere di sfilare tra la folla con i loro beniamini.

“È sempre un onore indossare la maglia della Roma”, ha dichiarato il capitano Totti al sito ufficiale della AS Roma. “Poi mi piace l’idea di ritrovare il Lupetto, che ho già avuto il piacere di indossare più volte in passato”.

Evento Nike-Roma presentazione maglia away

Anche Nainggolan ha parlato del Lupetto sul petto: “È bello, so che è anche apprezzato dai tifosi perché è stato molto usato nel passato”.

“Mi piace questa divisa away e in particolare mi piace la tonalità del bianco”, ha sottolineato Strootman mentre indossava la tenuta. Juan Jesus, arrivato in giallorosso la scorsa settimana, ha subito familiarizzato con la nuova casacca: “La divisa mi è piaciuta davvero, tutta bianca, con questo logo del lupo stilizzato. E poi è comoda e il materiale mi sembra ottimo”.

Ispirazione marmorea a parte, come sempre un po’ romantica e fantasiosa, come giudicate la nuova maglia away della Roma? Siete favorevoli all’uso del Lupetto?

  • Giò HaGi

    Mah… A me sembra bianco non li vedo tutti questi “colori della città Eterna”

    • Geeno Lateeno

      Io ho provato con le varie tonalità del monitor… ho anche provato con luce prima accesa e poi spenta…. mi sono messo pure gli occhiali da sole e poi li ho tolti… eppure continuavo a vedere una maglia bianca….
      Domani mattina vado in qualche cava a comprarmi un pezzo di marmo da confrontare… se non funziona porto il PC in qualche cimitero magari è solo questione di trovare una lapide fatta con il marmo giusto.
      Vi tengo aggiornati

      • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

        Esigo recensione con maglia indossata direttamente nella cava, fai attenzione però a non mimetizzarti con il resto o ti vendono a qualche compratore estero 😀

        • Geeno Lateeno

          Non mancherò… sto appunto cercando la cava giusta, vorrei evitare brutte figure.

  • rudiger

    Oooh, mo’ se ragiona!

  • Rhakekel

    Il lupetto andrebbe utilizzato per la prima maglia. È troppo bello per essere relegato ad utilizzo una tantum per le away. Esattamente come per l’aquila stilizzata per l’altra sponda del Tevere.
    Perché i simboli più belli sono così bistrattati?

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      A parte che il bello è soggettivo, sulla maglia ci va lo stemma in uso dal club a parte sporadiche eccezioni. Per rivederlo in pianta stabile dovrebbero quindi ripristinarlo prima come tale.

      Per la Lazio se non adottano la maglia bandiera il motivo (per me) è semplice: non è la maglia della Lazio seppur molto iconica e bella. A meno che non vogliamo cancellare più di 100 anni di storia.

  • LucaM

    il lupetto ci sta benissimo, lo stile del font mi va bene, solo che manca il giallo! non credo sia difficile fare il colletto e compagnia giallorosso invece che solo rosso (come accade spesso e volentieri). mi sarei aspettato i calzettoni rossi considerando il trend delle home della nike, comunque apprezzo molto anche il bianco. peccato che i pantaloncini non siano rossi. 7+

    • LucaM

      PS ammettetelo che la scelta di mettere rudiger nell’esempio per il font non è casuale 🙂

      • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

        Lo ammetto, è una dedica a uno dei grandi utenti del sito 🙂

        • rudiger

          Beh, grazie. Sono onorato. Mi è anche capitata una bella maglia 🙂

  • rudiger

    Sabbia?!

  • Angelo Di Bello

    Un colore e un motivo per giustificare l’ennesimo riuso di template. Lupetto escluso, anonimissima

  • marco089

    Merita un 8 solo per il lupetto di Gratton.
    Secondo me questa sarà la maglia più venduta da quando la Roma ha come sponsor nike.
    Avrei utilizzato più giallo, ma per il resto promossa a pieni voti.

  • Fabrizio Tallarico

    “Secondo il brand americano, infatti, il colore riprende i toni che si possono ammirare sui monumenti cittadini: il marmo, la sabbia e la pietra usati per costruire l’antica Roma”… ahahahahahahaha

  • aleste85

    è una buona maglia… semplice e bella.
    io però a differenza di molti non gradisco particolarmente il lupetto

  • squaccio

    Se non fosse per il lupetto sarebbe orribile.
    Non ci sta una striscia, un punto, un qualcosa di giallo.
    Anche qui, bellissima idea ma realizzata male…peccato.

  • Arkhanick

    bella la seconda maglia del torino

  • Alessandro

    La sabbia? Dov’è la sabbia a Roma? Ad Ostia?

    • Alessandro

      MA POI PERCHĖ ORMAI NIKE,ADIDAS,LOTTO ECC. FANNO TUTTI MODELLI UGUALI PER LE SQUADRE?

      • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

        Più o meno è così da sempre, a volte esagerano ma i modelli uguali esistono da decenni.

        • Alessandro

          Grazie per avermi risposto mi sento onorato.
          Comunque io le maglie le farei autoprodotte

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          Ma figurati, nei limiti del possibile rispondo a tutti.
          Le maglie autoprodotte per me sono fantascienza, oltre alla loro realizzazione devono essere anche distribuite e vendute, serve un sistema strutturato con tutti i crismi con costi non indifferenti. Penso sia meglio che ognuno faccia il proprio mestiere 🙂

        • rudiger

          Non se ne è mai parlato qui, ma non credi che ai nostri giorni questo “monopolio” delle multinazionali sportive possa essere superato?
          Intendo dire che se c’è un periodo in cui sarebbe possibile autoprodurre una maglia, pubblicizzarla e spedirla direttamente ai clienti finali, è proprio questo. Internet farebbe da vetrina globale; facebook e altri social da media per la pubblicità; l’e-commerce da rete di acquisto capillare e i service di spedizione da distribuzione. Sarebbe così impossibile?
          Forse la produzione rimane complessa per un club, ma non credo sia impossibile, in Italia soprattutto, trovare una fabbrichetta di maglie a km zero.

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          Nulla o quasi è impossibile, ma mettere in piedi una struttura come dici nei fatti è molto complesso e non è detto che i profitti superino le spese. Conviene per avere cosa, una maglia con un design deciso solo dal club?

          I vantaggi di avere un partner come Nike non sono da sottovalutare, non esiste solo la vendita delle maglie.

        • rudiger

          Non c’è dubbio. Dico solo che alcuni di questi vantaggi (visibilità globale, capillarità di vendita, rete distributiva) non sono più esclusivi e sono sostituibili via web.
          Ho anche dei dubbi che i prezzi finali sarebbero più alti, visto che si eliminerebbero tantissimi costi intermedi.
          Ovviamente il discorso non vale per Barcellona o Juventus, cui la sponsorizzazione porta anche centinaia di milioni cash. Però a livello “normale” uno studio di fattibilità me lo farei.

    • rudiger

      Si, ma non di questo colore purtroppo 🙂

  • Romeo

    Belle ma non eccezionali, secondo me era più bella la 2° del primo anno Nike, quella con le bande diagonali), mentre il lupetto andrebbe bene per una 3°, che oserei sperimentale e di colore magari verde (come l’Alba), visto che il blu navy per chi come me si ricorda l’unico caso in occasione della trasferta di Montecarlo, non credo vada indossato..Questa in effetti ricorda vagamente (se non fosse per il colletto), quella della finale 1984 con il Liverpool (sigh!!). In ultimo dico, dopo aver letto un precedente articolo sul crest del QPR..dico io..ma che ci vuole a tornare al nostro caro ASR ??

    • rudiger

      Ci vorrebbe il cuore, ma qualcuno in quel posto preferisce metterci il portafogli.

  • Swan

    Purtroppo si sapeva da tempo dell’utilizzo dello stemma anni 80 sulla away della Roma, cosa per me inconcepibile.
    La maglia poi ê sempre la stessa bianca di sempre, pessima.

    • rudiger

      Non è uno stemma, è un Trade Mark 🙂
      Figo, per di più.

      • Swan

        Ti aspettavo…
        Preferisci avete sulla maglia un logo commerciale al posto dello stemma?

        • rudiger

          È qualcosa di più di un logo commerciale: è nato per certificare l’originalità di un solo prodotto, ovvero proprio la maglia della Roma.
          Poi è un ricordo molto piacevole dell’infanzia e dell’adolescenza. In più è iconico, ben riuscito e, come ho detto, figo.
          Io non sono contro il commercio, i loghi e le sponsorizzazioni. Sono contro le brutture e le pubblicità che tolgono spazio ai colori e ai simboli delle squadre.

        • Swan

          È nato perché ad Anzalone non avevano concesso di utilizzare l’immagine della lupa con Romolo & Remo per scopi commerciali.
          Quando la Roma ha ottenuto questa licenza, lo stemma storico con la lupa, i gemelli ed il monogramma ASR è tornato magicamente sulle maglie.
          Capisco che hai visto il lupetto in auge in un periodo d’oro per il tuo club, ricordo bene i vari Falcao, Pruzzo, Conti, etc., però mi sembra che, senza offesa, da voi il tempo si sia fermato al 1984.
          Infine a livello grafico, secondo me il lupetto è uno dei più brutti stemmi d’Europa, ma questi sono gusti.

        • rudiger

          “… lo stemma storico con la lupa, i gemelli ed il monogramma ASR è tornato magicamente sulle maglie” è un’inesattezza: la lupa capitolina non c’era mai comparsa come stemma. Anzalone voleva un logo perché aveva capito la necessità di “firmare” l’originalità delle maglie della Roma. Non ha tolto nessuno stemma per far posto al lupetto.
          Dal lupetto del 79 alla lupa del 97 sono passati quasi 20 anni. Non direi che la Società, in quei due decenni, vivesse nell’ansia di mettersi la lupa sul petto. E’ vero che negli anni ’90 il lupetto appariva fuori contesto e fuori moda. Oggi però mi sembra degno di recupero (e del resto ha fatto spesso la sua ricomparsa sulle maglie negli ultimi 20 anni).
          Certo che ci siamo affezionati: ci siamo cresciuti tutti dagli anni ’80 in poi. Non è solo un “problema” di chi ha vissuto gli anni ’80. Mi sembra strano che uno come te dica che chi apprezza il lupetto è fermo al passato: offri la sponda a chi dice che gli stemmi tradizionali vanno rinnovati (anzi: sottoposti a restyling)per forza di cose.
          Dirai: il lupetto non è lo stemma tradizionale (anche se, ripeto, è il primo ad essere apparso sulle maglie della Roma), ma direi che dopo quasi 40 anni di apprezzamento da parte dei tifosi possa aver diritto a questo status.
          Non lo metterei sulla prima maglia al posto dello stemma (al massimo su un braccio o all’interno come logo commerciale) ma non vorrei farlo scomparire dal campo di gioco. Sulla seconda sta più che bene; tanto più quando la “tradizione” ci impone la solita maglia bianca.

        • rudiger

          Ps: Quando parlo di stemma intendo quello vero, con il monogramma ASR, ovviamente.

        • Swan

          È vero, sulle maglie della Roma il primo ad apparire fu il lupetto ma per me ciò che stride è che lo fece a discapito dello stemma in uso al club (lupa & ASR) solo per ragioni commerciali.
          Riproporlo una tantum su una maglia da trasferta, away o third che sia, tu lo vedi come un gradito ritorno, io come un’intrusione.
          Certo, poi il tifoso della Roma sei tu e non io, e se a voi piace dovreste fare una petizione per reintrodurlo in pianta stabile su maglie, abbigliamento e prodotti ufficiali.
          Un club, uno stemma: questo dovrebbe essere imprescindibile.
          Riguardo al restyling degli stemmi, credo che di tanto in tanto un ritocco ci stia, magari dando la possibilità ai tifosi di scegliere la soluzione più gradita, questo non sarebbe uno scandalo.
          Comunque, a parer mio, lo stemma ASR è probabilmente il più bello del panorama italiano.
          Fossi un tifoso della Roma vorrei averlo sempre cucito sul petto, nessuna eccezione.

  • Renzo

    Boh, per me è una onestissima, decorosa, elegante maglia bianca col bordino e lo scudetto.
    Forse bisognerebbe vederla dal vivo per apprezzare l’effetto “marmo/sabbia/pietra”. Cmq se il bordino fosse stato giallorosso l’avrei apprezzata di più.

  • rudiger

    Ricordo a tutti i romanisti che se è vero che in bianco abbiamo giocato la finale di Coppa Campioni, è altrettanto vero che sempre in bianco (e sempre col lupetto) abbiamo vinto lo scudetto, con l’1-1 in trasferta a Genova l’anno prima.
    Due sole maglie, nella memoria del 90% di noi, hanno vinto lo scudetto sul campo. Una è questa, e a me come seconda non sta bene: sta alla grande.

    • Romeo

      Ma sì, ma sì..e poi alla fine il bianco è DA SEMPRE (a parte una strana inversione di inizio anni 70..) il colore delle ns. seconde maglie, però un bianco (o marmo..) così, semplicissimo, oltretutto senza l’iconico Barilla come sponsor secondo me un pò perde. Una 2° bianca così l’avrei osata in caso di coccarda tricolore di qualche tipo (che sia di buon auspicio..), per questo preferivo quella 2014-15 con fasce diagonali. Sembrerà strano ma mi sarebbe piaciuto un template come l’anno scorso in questo caso bianca con maniche su giallo-ocra. Dei 3 kit Nike finora presentati negli anni per la mia ASR, finora quello di quest’anno è il più scialbo, anche se passa la sufficienza. Ribadisco però che con il crest “vero”, queste maglie sarebbero molto più fascinose…

    • teo’s

      Sono nerazzurro, ma come detto in un altro intervento, concordo al 100% con quanto hai scritto. Maglia fantastica, nel rispetto della tradizione, dei simboli e, mai che guasta, anche del buongusto. Siatene orgogliosi e compratela, perché merita.

  • LucaM

    È anche vero che per un anno sarebbe intrigante una away fuori standard, magari gialla con dettagli in rosso o verde con dettagli in giallorosso.

  • squaccio

    Rudiger, siccome ti vedo molto romanista e ferrato sull’argomento, oltre che partecipe alle discussioni, non credi che di là dei rimandi storici dolciamari manchi effettivamente il giallo ?
    Il bianco “sporco” per me è ok
    il lupetto è okeissimo
    ma l’assenza del giallo, specie nei risvolti, è un gravissimo errore che appiattisce di molto la maglia.

    • rudiger

      Anch’io preferirei che i fregi rossi fossero doppiati da altri gialli, ma non ci faccio una malattia. La seconda maglia per me conta poco. Questa, rispetto a tante altre recenti, ha il merito di replicare in stile moderno una maglia non solo storica, ma epica.

      • marco089

        scusate se mi intrometto, la maglia bianca con cui la Roma giocò la finale di Champions, non aveva fregi gialli.
        Anche le seconde maglia della kappa dei primi del 2000 non avevano niente di giallo, a parte il bordo dei kappini, per non parlare di quelle della Diadora di alcuni anni dopo che misero il nero al posto del rosso.
        Quindi secondo me su una seconda divisa non sono fondamentali i entrambi i colori, l’importante è che mantengano un legame con il passato

        • rudiger

          Appunto, non li aveva. Io preferirei comunque la presenza dei due colori.
          In generale vorrei una seconda arancione, unica, piuttosto che bianca, comunissima.

        • Vittorio

          vedrai che Nike farà una terza nera come i sacchi della monnezza che il comune lascia per le strade di Roma!

        • rudiger

          Spero di no… entrambe le cose.

        • Vittorio

          naturalmente…

  • DB92

    Non male, con il lupetto libero dal cerchio e dello stesso colore delle rifiniture sarebbe stata stupenda, soluzione che adopererei anche per la home. Dubbi sul font, nome e numero non mi sembrano coerenti tra loro.

  • Alessandro Melzi

    A me piace molto

  • Magliomane

    “Secondo il brand americano, infatti, il colore riprende i toni che si possono ammirare sui monumenti cittadini: il marmo, la sabbia e la pietra usati per costruire l’antica Roma.”

    No scusate, quando finisco di ridere dico anche la mia sulla maglia 🙂

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Lo so, a volte dovrei evitare di riportare alcune cose, ma è troppo divertente leggere i commenti :))

  • Vittorio

    Il bianco dei marmi di Roma….mah! bentornato al lupetto di Gratton!!!
    Grande scoperta di Nike….

  • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

    Articolo aggiornato con le foto della presentazione dal vivo in via del Corso

  • JacK

    Bha io tutto questo spingere sui richiami alla roma città non lo capisco, sono supposizioni poste nell’articolo oppure son stati proprio presentati cosi? A me onestamente sembrano forza se non inventati; in questa maglia away il colore forse può ricordare quello del marmo ma a me sembra un bianco antico e basta, avrebbero potuto fare una qualcosa che ricordasse il colosseo durante il tramonto e forse potevano veramente parlare di rimando ma cosi non proprio. Stessa cosa sulla prima maglia che onestamente il rimando al taglio del colosseo non esiste; a parte che quello nella facciata più famosa è dall’altra parte ma poi sembra più una semplice diagonale e basta. Sono buoni lavori tutto sommato, ma queste forzature non le vedo proprio, se vuoi fare con una maglia un rimando a qualcosa o ce lo metti volontariamente (progettando la maglia anche in funzione di quello) o non è che te lo puoi inventare, almeno questa è la mia opinione.

    PS: Sono laziale ma credo che questo non abbia influito sul mio giudizio.

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Consiglio spassionato: ignora quella parte, gli hai dato fin troppa importanza. A Nike piace presentarle così, per me è divertente scoprire ogni volta cosa tirano fuori.

      • rudiger

        Però ha ragione per la questione del taglio “dall’altra parte” 🙂

  • Roman von Herzog

    Molto bella.

  • grey alien

    E’ “fantastica” la nike,stesso template per ogni club,cambiano solo i simboli ,con parte sopra tinta unica e calzettoni di colore differenti.
    Sembra di essere tornati nel 2004.

  • Claudio Roma

    Un saluto a tutti! Maglia molto semplice… e come tale giustamente può suscitare parecchi e diversi pareri secondo me rispettabilissimi! Ma una cosa vorrei sottolineare e che magari può unificare un po’ tutti… maglia semplice perché il protagonista di questa away DEVE essere solo il ritorno del lupetto!
    Come al solito complimenti per il meraviglioso sito a Matteo & C. e bello l’omaggio a Rudiger (utente)… segno che per i “gestori” noi “seguaci” siamo davvero importanti!
    Alla prossima!

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Se il sito è cresciuto lo devo a me, a chi collabora e agli utenti. Grazie 🙂

  • http://Unitalianoinsvezia.com/ Daniele Purrone

    Io non capisco perché la seconda maglia della Roma non possa essere speculare alla prima, con giallo e rosso invertiti. Sarebbe la soluzione più logica.

    • rudiger

      Eh!

  • Lorenzo

    Scusate, qualcuno può spiegarmi come mai sul sito Nike di alcuni paesi (nel caso specifico l’Australia) si trova questa maglietta (vedi foto)? È ufficialmente la terza maglia 2016/2017? Non se n’è parlato ufficialmente mi pare

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Furbacchione, se ne parlerà in futuro :))

      • Lorenzo

        Qualcosa a che fare con i 90 anni dalla fondazione immagino 🙂 Matteo ne approfitto per farti i complimenti per il nuovo sito, vi seguo da tempo in qualità di utente silenzioso e assiduo.
        Ho un altro interrogativo: sapete come mai le seconde maglie di molte squadre Nike (tra cui Inter e Roma, sia l’anno scorso che quest’anno) sono in vendita solo in versione Stadium (85 euro) e non Match (120 euro)? Parlo esclusivamente delle seconde maglie. È un peccato perché le differenze in termini di qualità del tessuto sono evidenti… Qualche idea su come procurarsi le Match (a parte sperare di riceverle in curva in trasferta a fine partita)?

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          Grazie per i complimenti, per la tua domanda credo che oltre a riceverla in curva potresti assaltare i magazzini di Trigoria 🙂
          Presumo che le Authentic non abbiano un mercato tale da giustificare la produzione per la vendita.

    • LucaM

      è la divisa per i 90 anni della roma, a quanto pare costerà quanto la home (il sito afferma sempre 230 dollari australiani).

      • Lorenzo

        Sì. Resto quantomeno sorpreso dal fatto che sia già in vendita in alcuni mercati non europei…

        • LucaM

          lì la indica come away, avranno fatto confusione probabilmente.

  • LucaM

    si sa già quando sarà presentata la terza? se il colore è quell’arancione che ho visto FORSE potrebbe piacermi molto.

  • teo’s

    Bellissima. Nella sua spartanità una maglia eccezionale. Poteva benissimo essere una maglia da catalogo, ma quei tocchi di classe in rosso, il lupetto di Gratton (che qui fa la sua porchissima figura) e quel font davvero azzeccato la rendono, a mio modesto parere, la maglia più bella vista in questo 2016-17. Nike a mio modo di vedere con i giallorossi sta sfornando divise da superbig europea, tutta un’altra storia rispetto agli ultimi 3-4 lustri di lacrime e sangue che la Maggica ha dovuto sopportare sul fronte divise..

  • Luca Antonio Asmonti

    Questo bianco sporco tipo maglia da cricket mi piace molto. Detto questo, pensare che il colore di Roma sia quello del marmo è un’ingenuità da turista. Il colore dominante di Roma è l’ocra.

  • Daniele Costantini

    Sul Vapor Kit si è ormai detto tutto. Cercando di allargare il giudizio, in generale preferisco vedere a canonica away romanista – quella bianca – proprio così, cioè con il solo rosso come colore secondario. Di questa proposta 16/17, inoltre, mi piace la tonalità di bianco scelta, questa sorta di avorio che in qualche modo evita l’effetto di una scialba maglietta bianca; certo, sapendo di attirarmi le ire di alcuni, devo anche confessare che questa divisa è uno dei casi, in cui uno sponsor in mezzo al petto – magari un bel Barilla come ai vecchi tempi – contribuirebbe a rendere l’insieme ben più accattivante.

    Capitolo stemma. L’ho già scritto in passato: per me il Lupetto di Gratton è un bel simbolo grafico, perfetto per il merchandising della Roma… ma uno stemma societario, è decisamente altro. Sono d’accordo sulla riscoperta di questa e di altre mascotte della gloriosa Serie A degli anni 80 – ad es. vorrei rivedere il galletto del Bari, il biscione dell’Inter, la zebra rampante della Juventus, il torello granata, ecc… -; ma sopra al cuore, quel Lupetto è per me davvero pessimo. Passi (a malincuore) per le maglie di riserva… ma spero davvero di non rivederlo mai più sopra la casacca giallorossa.