SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Prendi le maglie, applica il nome e il numero, piegale, mettile nel baule per la trasferta, vai nello spogliatoio e ordinale una per una ai posti assegnati ai calciatori. Un lavoro monotono che a volte può generare distrazioni fatali.

E proprio una disattenzione del magazziniere ha impedito ad Alessandro Lambrughi di scendere in campo con la sua casacca nella partita Spezia-Livorno.

Lambrughi maglia contrario Spezia-Livorno

Poco prima del fischio d’inizio il magazziniere ha scoperto di aver dimenticato la divisa del terzino amaranto, il quale è stato costretto a giocare il primo tempo con una maglia indossata al contrario e il numero 11 realizzato con il nastro adesivo.

Lambrughi numero 11 con il nastro

Per fortuna La Spezia e Livorno distano un centinaio di chilometri, così nella ripresa Lambrughi è potuto tornare sul terreno di gioco con la sua maglia recuperata in fretta e furia.

Un episodio curioso che si aggiunge alla saga “Maglie dell’ultimo minuto: quando da una distrazione nasce una casacca da collezione“.

  • squaccio

    Che davvero il magazziniere è andata a prenderla a Livorno ?
    MITO !

    • passionemaglie.it

      Non so chi, ma qualcuno è andato davvero a recuperarla 🙂

  • Luca

    Il magazziniere come minimo a piedi doveva andare a recuperarla, altro che mito

  • F093

    ma come è possibile che il peso del nastro isolante non abbia fortemente condizionato la performance sportiva del terzino????? 🙂

    per non parlare delle tremende cuciture a contatto con la pelle… brrrrrrrrrrrr 🙂 🙂

    F093
    old style

  • passionemaglie.it

    Siamo esseri umani, può capitare. Non è il primo e non sarà l’ultimo.
    Probabilmente sarà stato ripreso, ma non è da condannare.

    • Moa

      Ma in questi casi succede qualcosa alla socità?
      Cioè ci sarà una leggera multa per il Livorno o simila per non avere la divisa “conforme alle regole”?
      😀

  • squaccio

    Lo scrissi in un altro topic: una volta Torricelli giocò a Foggia contro di noi il primo tempo con lo sponsor upim ed il secondo con lo sponsor danone.

    Questa è ben + grave rispetto alla dimenticanza di una maglia…

  • Biagio

    Chissà di quale panchinaro era la maglia utilizzata per Lambrughi e se hanno recuperato anche quella da Livorno…

  • frank78

    Credo che l’errore del magazziniere sia parecchio grave, anche perchè quello è il suo lavoro. La fortuna è stata che hanno giocato a 100 km di distanza

    • squaccio

      Tu sul lavoro non hai mai sbagliato nulla ?
      🙂

  • 7eleven

    gli è andata bene, l’11 è uno dei numeri più facili da fare col nastro!

  • AlbPal89

    Può succedere ma non deve succedere. E’ successo, e sicuramente il magazziniere farà tesoro di questo episodio.

    Qualcuno sa notizie riguardo a chi è che decide le maglie, pantaloncini e calzettoni (home, away, third, ecc.) con cui si dovrà scendere in campo? Le due società o chi organizza la partita (Lega Serie A, Lega Serie B, Lega Pro, Premier League, Bundesliga, FIFA, UEFA, CAF, CONMEBOL, CONCACAF, OFC, AFC, ecc. ecc.)? Insomma cosa ruota dietro le quinte di ogni partita? Ricordo che per UEFA Euro 2008 la UEFA pubblicava sul sito di quest’ultimo i completini con i quali le squadre della partita selezionata scendevano in campo. E’ stato l’unico sito. Peccato che per l’edizione 2012 non si è verificato.

    • AlbPal89

      ?

  • DY

    Ma seriamente… se La Spezia e Livorno distano 100 kilometri – e immaginando che il magazziniere abbia avuto a disposizione poco più di 1 ora (i primi 45′ + l’intervallo) per fare 100km all’andata e 100km al ritorno – questo pover’uomo quanti limiti di velocità ha infranto per recuperare la maglia prima dell’inizio del secondo tempo? 😀 .

    O ha rubato un Eurofighter, oppure il magazziniere del Livorno… è Flash! 😀 😀 😀

    • Stefano87

      molto probabilmente è partito molto prima della partita visto che solitamente, anche tra i dilettanti, si entra nello spogliatoio un’ora e mezza prima della partita almeno…. uindi volendo ha avuto tutto il tempo per andare e tornare….

    • passionemaglie.it

      Come dice Stefano se ne sono accorti un po’ prima dell’inizio.
      Poi non so dirti chi è andato, magari hanno fatto salire qualcuno direttamente da Livorno risparmiando un viaggio 🙂

      • DY

        Cmq è da notare come, senza lo sponsor Carige che non “soffoca” lo stemma, la maglia rende nettamente di più.

  • Niccolò Nottingham Forest

    Il telecronista durante la partita ha detto: sono già partiti i magazzinieri del livorno per anarla a recuperare all’hotel. E ha sottolineato il fascino retrò di vedere la maglia senza nome e sponsor.
    Ricordo un vicenza Padova in cui il Padova è sceso in campo con una maglia gialla comprata poche ore prima in un negozio di articoli sportivi, perchè nessuna combinazione di maglie rendeva possibile lo stacco cromatico; oppure qualche anno fa un giocatore del Crotone è entrato dalla panchina con una maglia di stagioni precedenti (diverso template, righe più strette ecc..)

    • DY

      Io mi ricordo un Milan-Perugia del 1998-99, che per i Grifoni fu una gara davvero “sfigata”.
      – Prima qualcuno gli bucò le gomme del pullman, e dovettero arrivare a San Siro prendendo una decina di taxi.
      – Poi si presentarono con la seconda divisa azzurra ( http://2.bp.blogspot.com/_6F788za1a-A/S7xxVTvSs9I/AAAAAAAAC8A/DUfMVNksfLs/s1600/PER33T98F.JPG ), che però aveva i pantaloncini bianchi, uguali a quelli del Milan; dovettero quindi andare dalle bancarelle fuori lo stadio a comprare una ventina di anonimi pantaloncini neri ( http://www.gianlucacolonnello.it/download/Milan-Perugia-1998.jpg ) 😀

      P.S. – La partita è poi passata “alla storia” per il cazzotto rifilato da Rossi a Bucchi, episodio che di fatto spianò la carriera all’allora sconosciuto terzo portiere rossonero, Abbiati.

      • ai95

        Bella la storia di milan-perugia 🙂

      • lillysim

        quella maglia del Perugia era da brividi.
        Io ho la prima di quell’anno di Nakata

  • rudiger

    Posso dire che a me piace di più la maglia al contrario e col nastro adesivo?

  • MattiaBG

    Un colpo al cuore vedere quelle maglie del perugia! anche se è una squadra tutt’altro che amica, le maglie del periodo galex mi facevano impazzire, come quella del primo anno di nakata che rimane una delle più belle mai viste in A e anche quella con le scritte in gotico sulle spalle. che ricordi!

  • LM

    Questa poi… mi chiedo solo se la Lega Serie B si sia lamentata dell’assenza del cognome, dato che pensavo che in Serie A e in Serie B fosse obbligatorio mettere anche i cognomi.