SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Esordirà nella trasferta di Mönchengladbach in Champions League la terza maglia del Barcellona 2016-2017 firmata Nike. Un modello che abbiamo già visto in Italia per Inter e Roma, oggetto di molteplici discussioni e parodie sul web per i suoi colori molto esuberanti.

Terza maglia Barcellona 2016-2017

Terza maglia Barcellona 2016-2017

Per i campioni della Liga si gioca con due toni di verde acqua, più scuro in alto e gradatamente più chiaro scendendo verso il basso. Il corpo, davanti e sul retro, è caratterizzato da una grafica a sottili righe orizzontali che aumentano di spessore gradualmente.

Il colletto è a ‘V’, circondato da una riga più chiara e corredato dal nome del club sulla parte posteriore. Sui fianchi non manca la consueta riga in contrasto, qui colorata di nero, che prosegue anche sui pantaloncini. La stessa riga, formata da un tessuto che favorisce la traspirazione, cela uno sfondo verde che compare durante il movimento.

Barcellona terza maglia 2016-17 verde acqua

I calzettoni sono anch’essi verdi con una grafica a righine sul polpaccio e incorporano la tecnologia NikeGrip, la quale permette al piede di non scivolare all’interno della scarpa. Frontalmente si distinguono per lo swoosh Nike che sovrasta la scritta “Barça”.

La terza divisa del Barcellona 2016-17, realizzata in poliestere ecologico riciclato dalla plastica, incorpora la tecnologia Nike Aeroswift che la rende più leggera del 10% rispetto alle casacche della scorsa stagione. Il nuovo tessuto inoltre offre una maggiore traspirazione e un’asciugatura ancora più rapida.

Questi colori non possono che farci tornare alla mente le scorribande di Ronaldo nel 1996-97, quando i blaugrana conquistarono la Coppa delle Coppe indossando una casacca firmata Kappa. La stessa Nike aveva già adottato il verde per la divisa away 2010-2011.

Come giudicate il look della terza maglia di Messi e compagni per il 2016-2017?

  • Luca_M

    Carini i colori, meno il template: 7.5

  • Alessandro Frosoni

    https://uploads.disquscdn.com/images/64daaf2d09f4e2bc588c6ad16b0c1f3dd47598cf73060b4e460c30e1c7e9073f.jpg
    ma non scherziamo, non è assolutamente paragonabile a quella della kappa, detto questo non capisco perché la nike deve produrre queste cose terrificanti….

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Ho parlato semplicemente di colori e confermo che sono simili. Che poi siano due maglie differenti non ci piove 🙂

      • Alessandro Frosoni

        no ma non era una critica nei tuoi confronti, ci mancherebbe, volevo soltanto dire che secondo me nemmeno i colori sono cosi simili. Ripeto non era una critica rivolta a te 🙂

  • squaccio

    Da queste foto i colori sembrano omogenei e quindi mi piace.
    Non so se vista in tv potrebbe cambiare come quella della Roma.

    Certo che quest’anno la nike tra seconde maglie con poco stacco cromatico rispetto alla prima (tipo proprio il Barça con la seconda maglia viola); terze troppo fantasiose in primis e soprattutto quasi “fuorilegge” perchè non hanno un colore predominante e prima fatte con lo stampino… annataccia.

  • Vittorio

    Che cosa potremmo dire di nuovo? Che è un colore già utilizzato per il Barça dalla Kappa all’epoca di Ronaldo? Oppure che l’unica differenza da quella dell’Inter e della Roma apparte il colore è il logo societario?
    Siamo seri.

  • Geeno Lateeno

    Boh! Inutilità al quadrato. Rappresentatività dei colori sociali nulla.

    • Swan

      Lo scopo delle away e third è proprio quello di staccare dai colori sociali, a rappresentarli ci pensa lo stemma.
      Poi sull’inutilità della maglia sono d’accordo, come tutte le third ha uno scopo unicamente commerciale.

      • Gino Lateeno

        D’accordissimo al 120% … ma almeno un piccolo segno blaugrana – magari il nastrino attorno al collo ci stava (tanto per far capire)….

  • superspook

    dopo la sprite e la fanta è il turno delle vigorsol

  • Erry

    Sicuramente questa strategia per Nike è una pacchia!
    – Tutti gli sforzi sono concentrati sulla realizzazione di tre template all’anno,
    – a tutte le squadre (top) viene riservato esattamente lo stesso trattamento,
    – i costi di produzione e l’applicazione delle varie tecnologie innovative introdotte ogni anno si ammortizza come meglio non si potrebbe.
    Mi chiedo (anzi, lo chiedo a Matteo Perri!) se sono in qualche modo reperibili i dati ufficiali delle vendite di questi modelli, perché se, a conti fatti, il successo di un kit resta legato principalmente ai risultati della squadra, allora bisogna dare atto a Nike di aver capito tutto, (con buona pace di tutti gli appassionati di maglie, me compreso)

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Dati ufficiali le aziende non li forniscono neanche sotto tortura, ci sono alcuni studi annuali fatti da agenzie specializzate ma costano un occhio della testa.
      I risultati comunque influenzano sempre le vendite, in Italia soprattutto.

      • Geeno Lateeno

        Parlo da milanista: nei negozi dovrei trovare la maglia dello scorso anno e quella dell’anno prima con un biglietto da 10 Euro in omaggio, allora

        • Erry

          …e se la trovassi, la compreresti?! 😉
          Grazie a Matteo per la risposta!

        • Geeno Lateeno

          Beh il giorno che mi assumeranno al Circo Orfei come clown potrei valutare la cosa con un certo interesse specialmente per i pantaloncini
          😉

  • Renzo

    Come per Inter e Roma… orrende. Non meritano nemmeno uno sforzo cerebrale per commentarle.

  • Magliomane

    I geni della nike si sono finalmente accorti che un’away viola per il barca non puo funzionare?
    L’unica cosa positiva comunque sono i colori, perchè per il resto lasciamo perdere… nemmeno per una delle squadre piu blasonate al mondo si sono sprecati a tirare fuori qualcosa che non fosse il solito template stampino condiviso con tutti.
    Che tristezza!!

  • rudiger

    Il problema non è tanto quanto queste maglie standardizzate rappresentino poco i club, sono terze maglie e per me contano come il colore del pavimento degli spogliatoi; il dramma è quanto spesso, e senza alcun motivo, vanno in campo.
    Mi sembra assurdo, considerando quanto poco si vendono le prime maglie, che queste terze e certe seconde rubino tanta visibilità in tv. Soprattutto nelle coppe europee.

    • Swan

      Ben detto.

    • F093

      Rudiger non sbagli mai un commento.
      Quoto 100%

      • rudiger

        Non esageriamo

  • Angelo Di Bello

    Roba vecchia, con colori più guardabili.

    Il template unico ci affligge da troppo tempo per permettermi di giudicare queste maglie singolarmente.

  • Fabio Coimbra

    Mah… la Nike paga e si compra il diritto di distribuire obbrobri ai maggiori team mondiali… meritano di essere presi a pernacchie dai tifosi delle suddette squadre…

  • Daniele Costantini

    Solito Vapor Kit, cos’altro vuoi aggiungere a un’estate di commenti triti e ritriti… ma quantomeno, stavolta Nike – non so quanto consapevolmente o incidentalmente – ha scelto per il Barcellona un colore che dà un senso all’operazione, un colore rimanda a una storica divisa del club.

    http://img2.thejournal.ie/inline/853876/original/?width=630&version=853876

    Assieme alla away “marmo” della Roma e alla third bianca del PSG, sono forse le migliori proposte di Nike saltate fuori con questo template.

  • prip

    colori per me intollerabili abbinati ad un template che ha ormai rotto il tepore dei begli zii… 4,5 ad essere buono

  • Stavrogin

    Ma sono il solo a chiedermi come sia possibile che con tutto questo proliferare di terze maglie, nonché di retri di maglie strisciate resi monocolore per migliorare la visibilità*, sia possibile che poi ci siano partite in cui distinguere le due squadre in tv non sia proprio immediato, p.e. Atletico-Bayern o Udinese-Lazio?

    * in realtà (vado un po’ OT) credo che i retri monocolore per le maglie a strisce siano proprio i responsabili della confusione, nel caso dell’Atletico per esempio davanti hai il bianco-rosso (ovvero un mix sostanzialmente chiaro per chi guarda in tv) e dietro il rosso scuro.