SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

In vista del debutto stagionale in Europa League è stata presentata la terza maglia dell’Inter 2016-2017, una casacca che non mancherà di farsi notare in campo grazie ai toni brillanti scelti da Nike.

Terza maglia Inter 2016-2017

Terza maglia Inter 2016-2017 Nike

Come già visto per la terza divisa della Roma, il dettaglio principale è il motivo a righe orizzontali, qui formate dai colori azzurro e verde elettrico. Sul petto spiccano lo stemma dell’Inter monocromatico bianco e lo swoosh Nike, più in basso c’è il main sponsor Pirelli stampato in nero.

Il colletto è a forma di ‘V’ con la scritta “Inter” sulla parte posteriore, un altro dettaglio è rappresentato dalla riga laterale sui fianchi che decora praticamente tutte le maglie di Nike in questa stagione.

Inter terza divisa 2016-2017 Nike

I pantaloncini sono verdi con la stessa striscia nera sui lati che abbiamo visto sulla maglia. Sempre in verde i calzettoni che si distinguono per il ricamo “Inter” frontale e la grafica a righe sul retro.

In aggiornamento…

  • Armando

    Praticamente è la maglia della vecchia e cara Passionemaglie!

    • LucaM

      Mi hai preceduto.

  • LucaM

    Passionemaglie FC
    Cmq molto brutta, dando un’occhiata alle terze della nike di quest’anno mi devo ricredere su quella della roma. 3,5.

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Mmmm, stai dicendo che il logo di PM era brutto? 😀
      Ovviamente questa maglia prima o poi entrerà a casa mia!

      • LucaM

        È questa maglia che non gli rende giustizia, la maglia di PM l’avrei vista bene crociata…

        • Daniele Costantini

          Ma la maglia di PM, non si era deciso fosse quella della FeralpiSalò? 😀 Comunque, adesso tocca adottare una nuova divisa per SS24: così di primo acchito, mi viene in mente quella nerostellata del Casale…

  • Alberto Castagna

    Se al posto di Pirelli ci fosse stata la scritta SPRITE sarebbe stata perfetta!

    • The Italian Job

      Vero.
      E, battute a parte, lo sviluppo orizzontale della P di Pirelli viene disturbato non poco dalle righine “ti vedo non ti vedo” che questo template propone all’altezza dello sponsor.

  • Guardiano

    Il giallo, storicamente terzo colore dell’Inter, avrebbe avuto più senso del verde (anche se ricordo una terza maglia verdeblu negli anni 90) e avrebbe anche consentito di riciclare i calzettoni della prima divisa.

  • squaccio

    Queste maglie avevano già toppato con il Barça che qualche anno fa indossò una maglia simile “sfumata”…sarebbe stata una bellissima t shirt da allenamento e invece..

  • Nick 88

    La Feralpisalò del futuro!

    Come detto per la Roma sembra un kit d’allenamento.

  • Fabio Coimbra

    Mamma mia che schifezza!!!! Ah ah ah ah!!!!
    Scusate ma e’ inutile fare commenti tecnico-estetici di fronte a questa roba!!!!!

    • Fabio Coimbra

      Il debutto in EL e’ stato pari a quello della maglia…
      In ogni caso, capisco che sponsor come Nike ed Adidas versino cifre molto importanti ad alcuni club e che quindi sia piu’ difficile imporgli dei paletti su certe scelte di estetica e di marketing.
      Pero’ un club come l’Inter e lo stesso calcio italiano dovrebbero opporsi a certi obbrobri del tutto irrispettosi della tradizione e della storia (e del buon gusto…).

  • Romeo

    Perfetta per la FeralpiSalò..

  • Swan

    Lo stemma monocolore è sempre uno sfregio al club ed alla maglia, per il resto template e colori mi piacciono.
    Spero che questo kit non verrà usato in coppa come home kit, odio il fatto che un club scelga deliberatamente di rinunciare ai propri colori senza motivo.
    Per me le away e le third possono essere di qualsiasi colore e template, ma da usare solo ed esclusivamente in caso di contrasto cromatico.

  • Pinuccio

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

  • DA9

    la bruttezza fatta maglia, soprattutto complimenti per l’abbinamento dei due colori…..

  • superspook

    Vapor kit. C’è da aggiungere altro??

    e aggiungiamo altro…con quanta superficialità fanno la stessa maglia per inter e roma, stesso disegno, solo due colori diversi?

    • Angelo Di Bello

      E Galatasaray, Manchester City, Barcellona? Nike è passata dal non voler fare assolutamente terze divise ad aprire Illustrator e buttar giù un template unico per tutti ogni anno. Meglio non farle a questo punto.

  • sergio59

    Che dire, probabilmente l’immagine del calcio di oggi deve essere questa, anche se una maglia del genere che, per carità, brutta non è, di maglia di calcio ha molto poco. Magari visto che quest’anno l’Inter veste in gialloneroazzurro avrebbero potuto usare il giallo al posto del verde anche per questa, ma cambia poco.

  • Angelo Di Bello

    E ari-bah

    Internazionale Sprite Milano

  • Eugenio

    Stessi colori di una delle maglie peggiori della storia dell’Inter. E questo dice tutto. Spero che non veda mai il campo.http://www.marte.com/wp-content/uploads/2013/10/inter-away1995-6.jpg

    • Daniele Costantini

      Grazie! Questo abbinamento cromatico mi aveva acceso le sinapsi, ma non riuscivo a mettere a fuoco il ricordo… 😉 . E a parer mio, stavolta mooooolto meglio il Vapor Kit 16/17 rispetto alla Umbro anni 90! (o quantomeno, con la pistola puntata alla tempia…)

      • Alberto

        Un giudizio più dettagliato? 😉

        • Daniele Costantini

          Un giudizio più dettagliato sulla maglia Umbro? Ricordo che da bambino, mia nonna mi regalava dei pigiami più sobri… 😀 . Quanto a quella di Nike 16/17, invece, per me l’accostamento cromatico non sarebbe affatto tragico (d’altronde, io adoro la maglia della FeralpiSalò); il “vero problema è per me nelle tonalità di colore scelte, troppo “acide”, che danno vita a un contrasto davvero schizofrenico.

          Optando per due gradazioni più spente, secondo me poteva venir fuori una divisa più che discreta – sempre tenendo a mente che stiamo parlando di una third (dove la sperimentazione dev’essere per me sempre la benvenuta), e che in passato l’Inter ha saputo proporre terze divise ben più affascinanti e iconiche di questa.

  • giamp

    Andando a dare un’occhiata sulle personalizzazioni delle maglie, nello Store dell’Inter, sembra che il colore dei numeri per la maglia utilizzata in Campionato sarà nero, come lo sponsor Driver presente sul retro; mentre per la maglia utilizzata in Europa League, mancando lo sponsor sul retro i numeri saranno bianchi. Mah.

  • Stavrogin

    Vedendo quella della Roma, mi sfugge il motivo del verde qui. Non avrebbe “dovuto” (tra virgolette perché siamo comunque nel regno della creatività) essere una sfumatura da azzurro a nero? Diciamo che nessuno la definirebbe una maglia dell’Inter se non lo sapesse, ma alla fine non è una brutta divisa.

    • superspook

      Ormai disegnare la terza maglia è come comporre divise dagli accostamenti improbabili a fifa quando cazzeggi. Io facevo una cosa divertentissima: chiudevo gli occhi e sceglievo dei colori a caso, il risultato non era molto diverso da questo

  • Alberto

    Considerando che la divisa sarà utilizzata in sporadiche occasioni non capisco tutto questo dissenso. Si tratta di un kit alternativo ai primi due quindi giusto sperimentare, anche proponendo soluzioni coraggiose come questa.

    Nel complesso la trovo una divisa “fresca” (passatemi il termine vista la comunanza di colori con una nota gassosa…), che spezza la consuetudine consolidatasi negli ultimi anni di presentare terze divise monocolori e generalmente prive di guizzi.

    In sintesi, per me promossa.

  • Vittorio

    A dire la verità, la Nike con questo modello base ha abbassato di gran lunga la propria varietà stilistica ma alzato la qualità di vestibilità e tessuto. Alla mano sono tutte divise confortevoli e piacevoli sulla pelle nonostante parliamo di prodotti per lo più riciclati e comunque a base di polyestere. Venendo al modello in questione, come molti qui hanno fatto notare è una divisa con una stampa spesso usata per allenamento o comunque a questa tipologia pare trarre ispirazione. Su questo l’occhio si abituerà, ne sono certo, ma la cosa che più mi infastidisce è la combinazione di azzurro e verde acido: la complementarietà dei colori è abbastanza disturbante. Trovavo in epoca umbro molto più divertente la maglia Champions grigio nera verticale che alla distanza il grigio diventava di un azzurro cangiante. Giocare coi colori su una thirth ormai è diventata una regola, produrre degli effetti cangianti puó rivelarsi divertente e creativo. Qui, per concludere, lo trovo soltanto fastidioso. La gialla dell’anno scorso nella sua semplicità aveva fatto centro.

  • Tab

    Ho sempre apprezzato questo abbinamento di colori, più o meno gli stessi dei Seattle Sounders. Peccato che non c’entrino NIENTE con l’Inter.
    Quell’effetto sfumato, invece, lo trovo davvero poco riuscito. Maglia inutile, come la sua “gemella”, la terza della Roma.

  • squaccio

    …cmq a me sembra abbastanza un controsenso asserire “Sulla terza maglia è giusto che si sperimentino colori che non hanno pertinenza con i colori sociali”…quindi realizzare una maglia che ha i colori fuori dagli schemi ma che ha lo “schema” di altre 5 o 6 squadre.

    Infatti nella mia collezione di maglie non ho neanche una terza maglia…

  • MrPickwick

    Se si parte dal presupposto che nelle terze maglie vale tutto e che siccome sono terze maglie si possono mischiare colori e trame a caso, allora che questa maglia sia dell’inter piuttosto che di una qualsiasi altra squadra è assolutamente ininfluente, e l’unico criterio per giudicarla è il gusto personale. Francamente lo trovo molto limitante, però se è così allora dico che questa maglia mi piace. Di certo, però, non la comprerei mai

  • Magliomane

    Maglia incommentabile: è totalmente inaccettabile che ci si presenti in europa conciati cosí.
    Voto: sottozero polare.

  • mdstyle

    Ed arrivò il giorno in cui le lattine giocarono a calcio!
    Giocarono si fa per dire, forse erano più brave quelle danzanti.

    • mdstyle

      per chi non ha presente la lattina dance, c’è comunque qualcuno che la ricorda spesso.

    • Angelo Di Bello

      “Sparite” vale il prezzo del biglietto

  • 97GEO

    Vista in campo non mi è dispiaciuta, è comunque una terza divisa. Il template non è il massimo ma, al contrario della roma, le foto promozionali sono inferiori al prodotto sul campo

    • Magliomane

      Se fosse la terza divisa andrebbe pure bene, il problema è che in europa sarà LA PRIMA divisa.
      Speriamo ci sbattano fuori subito! (siam già sulla buona strada)

      • Daniele Costantini

        Non so se, dopo le polemiche sui social e soprattutto la prestazione offerta, questa third sarà ancora proposta sui palcoscenici europei, quantomeno a San Siro… 🙂 . Certo, capisco le rimostranze dei tifosi, e per me a Milano, campionato o coppa, l’Inter dovrebbe sempre scendere in campo con i suoi colori nerazzurri.

        Non sono affatto contrario alle divise di coppa… purché queste siano ugualmente veicolo dei colori di una squadra; in tal senso è quasi giocare sporco, fare un parallelo tra la divisa indossata oggi in Europa League da Icardi, e quella sfoggiata quasi vent’anni fa nella vecchia Coppa UEFA da Ronaldo:

        http://www.ultimouomo.com/wp-content/uploads/2015/05/ronaldo2.jpg

        • Magliomane

          MOMENTO.
          A parte il fatto che inorridii anche nell’estate del 97 quando la vidi per la prima volta (lo ricordo ancora, in un negozio di Edimburgo, ai tempi non c’era PM 🙂 )
          Comunque quella della uefa 97/98 era un’uscita una tantum, veniva vista come una semi-piacevole novità ed è durata, come è giusto che sia, lo spazio di una stagione.
          Adesso pare che non si possa più scendere in campo in europa con la maglia nerazzurra ed ogni anno è sempre peggio.

        • Magliomane

          Che poi: ti immagini se nel 2010 avessimo alzato la cempions conciati cosí???
          Mi sarebbero girate le pelotas a elica!!!!

        • Daniele Costantini

          De gustibus. Tu inorridisti, io (pur da ‘estraneo’ in causa) mi esaltai 🙂 . Volevo solo porre l’accento sul fatto che, seppur quella del 97/98 fosse una maglia ad hoc per le coppe, nonostante tutto manteneva un (labile) legame con le tinte interiste; a suo modo, era pur sempre una maglia nerazzurra (più nera che altro, ma vabbè… 😀 ).

          Sono d’accordo (e l’ho già scritto in precedenza) sul trovare improponibile e paradossale, che oggi una squadra finisca sovente per non sfoggiare più, fuori dai confini nazionali, i suoi tradizionali colori sociali; e proprio in tal senso, ricollegandomi a sopra: se si vuol disegnare una maglia “da coppa”, dal mio punto di vista ci si dovrebbe limitare a “giocare” con i template, non con le tinte societarie (sulla falsariga di quanto ha fatto ad es. il Sassuolo, direi con discreto successo).

          Quanto all’alzare trofei, credo che in quei momenti la maglia indossata dai propri beniamini diventi, francamente, l’ultimo dei pensieri! 😉

    • MrPickwick

      Anche a me piace l’abbinamento dei colori, ma per me la sfida nel disegnare una seconda o terza maglia è quella di essere originali rimanendo dentro dei canoni di riconoscibilità o dando comunque significato alle trame e alle scelte cromatiche, altrimenti vale tutto ed è inutile stare qui a discuterne se l’unico scopo è quello di mischiare colori e forme nella speranza che a qualcuno piaccia. La terza maglia della juve forse è un po’ tamarra, ma perlomeno ha un significato riconducibile al club, e sicuramente venderà più di questa dell’inter

  • filippo

    Buona sera penso che questa divisa sia penosa complimenti a coloro che l’anno ideata non centra nulla con i colori neroazzurro praticamente un affare commerciale perchè si veda la pubblicità

  • Renzo

    Orrenda. Non vado oltre