SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Iniziativa benefica per il ChievoVerona nell’anticipo di stasera contro la Roma all’Olimpico. I clivensi scenderanno in campo con la toppa “Chievo Perù & aRenBì Onlus” sulla maglia, disegnata da Ev-Factory e applicata sulla manica sinistra.

Maglia Chievo toppa Arenbi beneficenza

Tutte le casacche saranno messe in asta su eBay tramite l’account dell’associazione aRenBì, il ricavato finanzierà il progetto Chievo Perù e altre iniziative benefiche operate sempre nel paese sudamericano.

aRenBì Onlus, beneficenza “A Ritmo di Bluse”, è un’associazione nata nel Novembre 2012 da un gruppo di collezionisti al fine di raccogliere fondi a scopo benefico, attraverso la vendita di cimeli sportivi.

  • ferro

    bo´….

  • F093

    ….mah….

    F093
    old style

  • MMarans

    In questo modo hanno preso Cruzado? :P…

    Comunque la beneficenza viene prima della maglie… per me potrebbero pure rattopparci tutta la maglietta…. anche se una maglia speciale l’avrei fatta, magari tipo questa per riprendere proprio la maglia del Perù:
    http://i40.tinypic.com/yzeqh.jpg

    Ma forse sono io troppo esagerato.. 😛

    • FDV

      Tra l’altro sarebbe stata come quella del pupazzino nella patch. Sarebbe stata un’idea fantastica!

      Ovviamente questa non vuole essere una critica all’iniziativa.

    • DY

      La tua maglia avrebbe fatto sì che:
      1) la visibilità e copertura mediatica sul progetto ‘Chievo-Perù’, sarebbe stata nettamente maggiore;
      2) si sarebbe creato un legame lampante col Perù, che invece nella patch non vedo (o almeno, devi andarti a leggere tutta la toppa…);
      3) avremmo avuto una spendida maglia da collezione del Chievo! 😉

      • Niccolò Nottingham Forest

        5) I tifosi dell’Hellas avrebbero invaso la città ed iniziato una guerriglia urbana!

      • rudiger

        @ Niccolò NF
        Perché?

    • salmone kalou

      Cruzado non gioca più nel Chievo ma nel Newell’s

      • MMarans

        Grazie per la precisazione.. 🙂

  • DY

    Iniziativa lodevole. Toppa inguardabile.

    Quella patch rappresenta al meglio tutto quello che *non* andrebbe fatto in un lavoro grafico 😀 . Dovremmo prendere esempio da oltreoceano (vedi il recente caso dei Boston Celtics), per imparare *come* si realizza qualcosa di celebrativo…

    • DY

      non so se avrei potuto fare di meglio – o casomai, se avrei potuto realizzare qualcosa tale da incontrare i favori della dirigenza clivense; come sappiamo bene in questo sito, sovente le idee dei graphic designer vengono bocciate e/o stravolte in fase di rifinitura, per decisioni estranee all’autore.

      Posso dirti che, se fossi stato interpellato nella realizzazione della patch, io avrei adottato un approccio completamente differente, incentrato sulla *semplicità* e *l’immediatezza*. Proprio perché una toppa simile deve essere riprodotta in un formato molto piccolo (7x7cm), avrei evitato di “caricarla” com tanti particolari diversi, che risultano indistinguibili da lontano, e generano solo tanta confusione” visiva.

      L’ho citato nel precedente messaggio, ecco il lavoro fatto recentemente in NBA sulle divise dei Boston Celtics: http://www.soccerstyle24.it/2013/04/boston-celtics-ricordano-vittime-attentato-maratona-patch-sulla-divisa/ . Una patch piccola, semplice e discreta, ma non per questo meno efficace, anzi… il raffronto coi simili lavori italici – e parlo *in generale*, vedi i recenti casi per Morosini – è purtroppo impietoso.

      Nel caso del Chievo, comprendo benissimo che – di fronte alla dirigenza che voleva esplicitamente tutti quegli elementi – non si poteva pretendere chissà cosa. Pur con queste attenuanti, il mio giudizio sulla patch finale rimane negativo.

      Senza rancore 🙂

  • sm1le

    non me ne voglia l’artista citato ma la toppa è tremenda

  • Carmine

    W la beneficenza ma la pezza arenbì è troppo piena non si capisce nulla, bocciata

  • passionemaglie.it

    Come tutte le proposte può piacere o meno, ma non accanitevi troppo sulla grafica dai ragazzi 😉

    Anche per me non è il massimo, ma le società mettono molti paletti. Lo stesso discorso vale per le maglie e gli sponsor, a volte i presidenti fanno precise richieste e il designer di turno deve chinare la testa senza diritto di replica.

    Speriamo che possano raccogliere tanti fondi per le iniziative benefiche.

  • stefano

    Nonostante la toppa, BRAVI LO STESSO.

  • http://www.asromashirt.it Mirko

    Guardando la toppa applicata sulla maglia, il risultato è sicuramente migliore… in ogni caso, per quanto mi riguarda, vorrei avere in collezione maglie di questa rarità anche con toppe bruttissime, alla fine una maglia utlilizzata solo per una partità ha, ed avrà sempre il suo perchè!

    Prendo come esempio la maglia della Roma con la toppa “Love difference”, toppa minuscola, fatta male come materiale ed esteticamente bruttina come disegno, eppure ha il suo valore e la sua rarità.

    Inoltre c’è il discorso della beneficenza: sono inziative che vanno applaudite in ogni caso.

  • squaccio

    Grazie a questo articolo ho scoperto che oggi si gioca Chievo – Roma…
    🙂

    Non sono nè grafico nè niente ma se l’idea è cmq di rendere visibile l’iniziativa, credo che a parte i lettori di Passione Maglie nessuno vedrà la toppa in questione.

    Ho letto dei “paletti”, ho letto tutto, ma è troppo minuscola.
    Come detto da altri, visto che il Chievo ha giocato con una maglia natalizia bianca e dorata (!?) avrebbe potuto giocare con una maglia gialla con trasversale blu.

  • rudiger

    Premesso che qui si critica per amor di discussione e che il lavoro delle persone va comunque rispettato, la toppa è effettivamente troppo carica. Ad esempio non capisco perché inserire per ben due volte il cavaliere del Chievo in una toppa così ridotta. Soprattutto considerando che sulla divisa del chievo quel disegno ricorre ben sei altre volte, per un totale di otto: un reggimento di cavalleria.
    A questo punto si poteva inserire solo il pupazzetto (un po’ fumettistico, però simpatico), il nome della campagna e quello dell’associazione. il resto è superfluo.
    Piccolo OT interessato: la Roma festeggiava in questa occasione i 30 anni dello splendido scudetto ’82/’83. Per la mia concezione di maglia celebrativa, visto che quella di quest’anno somiglia molto alle divise di quell’annata, avrei fatto scendere in campo la squadra con wind scritto in bianco (come allora barilla), tolto i nomi dalle spalle, messo il lupetto in bianco al posto della lupa, indossato i pantaloncini rossi come allora… e soprattutto vinto la partita.

    • http://www.asromashirt.it Mirko

      L’ultima che hai detto sicuramente 🙁

    • F093

      rudiger, ti devo straquotare nuovamente.

      ….ma il lupetto lo avresti messo sul petto o sulla manica??
      (domanda da vero cultore 1982-83)

      🙂

      F093
      old style

      • rudiger

        Manica destra, per guardare avanti.

  • marco

    Su mundo deportivo di oggi (carta stampata, non ho controllato se ci siano anche on line) ho visto le foto delle nuove maglie del barcellona. La prima oscena (una copia di quella di tre anni fa con delle maniche orribili sfumate sul grigio ed un colletto a v fatto da un cino), mentra la seconda e’ la famosa senyera, la maglietta della selezione catalana (molto bella a mia opinione). la terza dovrebbe essere nera.

    • sm1le

      ma qui si parla del chievo? le maglie del barcellona sono note da mesi, pm l’ha messe su facebook…

  • pippo46

    visto che siamo in tema di givova volevo sapere se l’anno prossimo il catania cambierà sponsor tecnico perchè gira voce che sia pronto un contratto con lotto

  • LM

    Ottima iniziativa, ma la toppa andava fatta meglio.

  • Lino

    Le insulse toppe celebrative sono il male assoluto! Come detto da altri, molto meglio realizzare una maglia speciale.

  • Pingback: Parma-Fiorentina, crociati con la toppa di Arenbì Onlus sulla maglia()