SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Scendiamo in serie D per dare spazio a una bella iniziativa del Perugia Calcio che per una giornata ha deciso di rispolverare le vecchie divise del 1978-1979, quelle del “Perugia dei miracoli” che raggiunse il 2° posto serie A, rimanendo imbattuto per tutto il campionato. E’ accaduto il 14 Novembre nella sfida con il Pontevecchio, conclusasi 2-1 per i grifoni, che in questo modo si sono mantenuti in scia della capolista Todi.

Queste le parole del presidente Damaschi per presentare la casacca:
“Abbiamo cercato di riprodurre quanto più possibile fedelmente  le maglie storiche del Perugia, nel segno della continuità e della scrittura di una nuova pagina di storia della nostra società. D’intesa con lo sponsor tecnico Puma, abbiamo lavorato per far rivivere la divisa storica del Perugia dei Miracoli, così come promesso lo scorso luglio durante la presentazione ufficiale della società alla città”.

Dunque per una giornata accantonate le attuali divise della Puma.

Non è la prima volta che il Perugia rende omaggio alle maglie del 1978-1979
. Era già accaduto in due momenti topici dell’epoca Gaucci: lo spareggio promozione in A contro il Torino al termine della stagione 1997-1998, e il playout per la permanenza nella massima serie contro la Fiorentina, nel 2003-2004. Sponsor tecnico era la Galex.

La maglia utilizzata dal Perugia nel 1997-1998 era tutt’altro che simile a quella della stagione dell’imbattibilità. C’erano dei grandi inserti bianchi sulle spalle, con all’interno le scritte 1905 e Perugia in rosso con font medievale. E su tutta la maglia un grande grifone serigrafato.

Ma il giorno dello spareggio promozione in A di Reggio Emilia, vinto ai rigori contro il Torino, la Galex preparò una maglia speciale, molto più semplice e decisamente richiamante il modello di fine anni ’70. Tutta rossa, con colletto a polo e scollo a V bianco con rifiniture rosse.

Stesso discorso per la stagione 200304. In quell’anno il Perugia, impegnato tra l’altro in coppa Uefa, arrivò quart’ultimo. La caratteristica principale della maglia era una linea bianca orizzontale che attraversava le maniche e il petto. Fu l’ultima stagione della serie A a 18 squadre e dello scempio della B a 24. La quart’ultima di A avrebbe spareggiato con la sesta di B per il 20° posto disponibile della massima serie 2005-2006.

Fu Perugia – Fiorentina. E per la doppia sfida tornò un modello ispirato alle maglie del 1979, in versione rossa in casa e bianca in trasferta. Ma andò male per i grifoni: 0-1 al Curi e 1-1 al Franchi. E fu l’inizio della fine dell’era Gaucci, con conseguente inesorabile declino.

Vi piacciono queste iniziative volte a omaggiare la divisa della migliore stagione della storia di un club?

Gradireste qualcosa di simile anche per la squadra per cui tifate?

  • squaccio

    Bellissima iniziativa, anche quest’anno a Foggia ci sarà una cosa del genere; purtroppo la maglia del 90ennale che deve essere ancora presentata però sarà indossata solo in una gara.
    Come scritto in altro topic, non ho mai toccato con mano le maglie Galex ma mi sono sempre piaciute. Sempre diverse ma mai oscene.

    • FDV

      Io ho questa
      [img]http://img340.imageshack.us/img340/1286/perx.jpg[/img]
      Come qualità la parogonerei alla Macron di oggi. Il materiale è lo stesso dell’attuale maglia del Charlton: 100% poliestere. Chiaramente il risultato è ben diverso, in linea con i 12 anni trascorsi tra questa maglia e quella del Charlton.

      • Alvise

        riusciresti a postare le foto di altre maglie galex del perugia di fine anni 90? mi sembravano bellissime, mi pare di ricordarne una con delle lingue di fuoco sulle spalle, può essere? era il perugia di nakata…

        • FDV

          ..uhm..lingue di fuoco.. potrebbe essere quella del 1999-00 che aveva delle teste di grifone lungo le maniche, tipo i lupetti della maglia della Roma del 98-99. Comunque credo che dedicheremo un articolo alle maglie Galex del Perugia a cavallo degli anni ’90 e ’00, in cui saranno postate tutte stagione per stagione.

      • squaccio

        Lo aspetterò con ansia perchè quelle maglie mi sono sempre piaciute: sotto si intravede quella nera del ritorno in serie A del Perugia: esisteva anche bianca e quella rossa e si intravedeva una trama a righe; quella di Nakata e dell’esplosione di Bucchi era (se non sbaglio) tutta rossa con una manica bianca; un altro anno riproposero il simbolo Galex lungo tutte le maniche tipo kappa; l’anno di Miccoli era bianca sotto le ascelle…
        Ricordo anche la maglia dell’allora portiere Mazzantini color arancio…

        • ciobi1984

          La maglia azzurra con il grifone arancione era della stagione 1998-99. Se ricordate, la indossò il Perugia nella gara di San Siro col Milan, quella in cui Seba Rossi prese per il collo Bucchi dopo il rigore segnato dal Perugia, e fu anche l’evento che lanciò Abbiati che allora era ancora sconosciuto…
          La Galex di allora oggi non esiste più. E’ fallita nel crack della famiglia Gaucci (Galex sta per G=Gaucci e Alex=Alessandro). E’ stata ripresa da un imprenditore locale, con lo stesso nome ma a conduzione quasi familiare. Anche qua in Umbria poche squadre la utilizzano… ci sono marchi come Due T Sport e Legea che hanno preso il sopravvento anche qua… e la Macron pure, grazie soprattutto ai buoni risultati del Gubbio…

        • http://sampdoria.forumcommunity.net/ Blue-Ringed

          La trovo bellissima:

          [img]http://www.soccerstuff.it/immagini/PER33T98F.JPG[/img]

          Come già detto la Galex è stata tra gli inventori (o forse lo è stata) dello scudetto adattato alla maglia… Probabilmente erano così curate le maglie del Perugia per via del Brand gestito personalmente dalla famiglia Gaucci.

    • dario

      La Galex è stata probabilmente la prima in Italia a proporre maglie da trasferta sempre diverse per una questione di merchandising. Ricordo che un anno propose tre maglie diverse oltre a quella rossa. Poi quelle stesse maglie si vedevano tra le varie serie minori umbre. Le maglie erano di ottima qualità, ma i risultati visivi non sono sempre stati degni di memoria.

  • Mamo

    Bel’articolo 😉

    Già che c’erano potevano cambiare anche i calzettoni però…quelli Puma stonano nel contesto generale.

    Comunque belle tutte le riproposte della maglia storica, davvero semplice, ma allo stesso tempo meravigliosamente elegante.

    Riguardo alla Galex, anche a me non è mai dispiaciuta. Ha quasi sempre prodotto delle buone maglie, originali, ma senza strafare troppo.
    Una domanda: nella maglia postata sopra (come in quella azzurra segnalata nell’articolo sulle maglie dei mondiali improvvisate) ho notato che lo stemma asseconda i colori della maglia. Si può dire che siano stati i prescursori da questo punto di vista?

    • FDV

      Diciamo più che altro che per alcuni dettagli si ispiravano parecchio al modello inglese, come appunto adattando il colore dello scudetto a quello della maglia, oppure ricordo le maglie del 1996/97, che avevano un layout inedito dello stemma, con uno scudo attorno, e il grifone racchiuso in uno schema che ricordava fortemente lo scudetto del Manchester United
      [img]http://img340.imageshack.us/img340/481/groneunited.jpg[/img]

      • Mamo

        Puntualissimo come sempre FDV. Grazie per la spiegazione 😉

      • Alessandro

        Galex= Gaucci Alessandro. Quella nera sponsor Cepu ce l’ho anch’io..me la dette Di Chiara

  • Matt3

    VORREI VEDERE PIU’ SPESSO QUESTI RITORNI AL PASSATO SOPRATTUTTO PER LE SQUADRE IMPORTANTI..

  • MARCOPANTERONE

    ma “Galex” stava per GaucciALEXandro?

    • squaccio

      Sì sì

  • nabiki

    tra le mie preferenze per le maglie da calcio, c’è il colletto a polo. questo richiamo a quel grande perugia è una bella cosa, un modo per ricordare una bella pagina del calcio italiano.
    guardando le foto del 2003/04 ho avuto un sussulto. il perugia aveva dei bei giocatori quell’anno, eppure retrocesse. ravanelli, ze maria, manfredini, obodo, grosso, brienza. ricordo anche quel pazzoide di bothroyd. non so come stia andando in lega pro, ma mi piacerebbe rivedere presto questa squadra a livelli più alti.

    la galex sponsorizza ancora qualcuno o era un’azienda legata alle squadre dei gaucci?

    • FDV

      Che io sappia la Galex è sparita. Comunque per il 2003/04 il tuo sussulto è giustificato. Quella fu una stagione molto travagliata per il Perugia dal punto di vista arbitrale.. Gaucci dopo l’affare ripescaggio del Catania e della B a 24 squadre non era ben visto..

      • ciobi1984

        Galex è stata rilevata da imprenditori di Ellera di Corciano. Esiste ma è una fabbrica molto meno radicata rispetto al passato

  • mosca

    Bellissime, la scelta di riproporre divise anacronistiche mi entusiasma sempre.
    Grande stile

  • Lino

    1)super-sì e 2)super-sì, come risposte alle due domande alla fine dell’articolo.
    Belle queste maglie del Perugia, come anche quelle precedenti, ma già che c’erano secondo me avrebbero dovuto abbinare calzoncini bianchi e calzettoni rossi semplici.

  • BFC

    esteticamente stupende, bellissimo il vecchio grifo. perchè il perugia non gioca SEMPRE con questa maglia?

    boh, mistero.

  • Pingback: Tweets that mention La maglia del Perugia dei miracoli sfoggiata in Serie D -- Topsy.com()

  • italia30

    A me piaceva quella del Perugia del 1998: maglia rossa con una manica bianca, calzoncini bianchi e calzettoni bianchi. Mi pare che non avesse lo sponsor, e c’era il grifone sullo sfondo. E in trasferta usava quella azzurra-arancio, o anche una a strisce orizzontali (?rosso-blu?) stile rugby.

    • FDV

      Esatto, credo utilizzata solo in Lazio-Perugia
      [img]http://img210.imageshack.us/img210/7822/blare.jpg[/img]

      • nabiki

        oddio! ma è kaviedes! l’avevo rimosso assieme alla maglia. 🙂

        • dario

          “nine” kaviedes…arrivò quell’anno e siccome voleva il 9- numero già dato ad altro giocatore- si inventò il soprannome “nine” da mettere al posto del nome; la lega brontolò e poi fece spallucce…comunque maglietta orreda!

        • kfr1

          nn è esatto…”el nine” era il soprannome che aveva fin da piccolo in quanto giocava per le strade di quito, ecuador, sempre con una maglietta col numero 9.

  • AlessandroP

    “Lo spareggio contro il Perugia non è mai esistito” 🙂

    Scherzi a parte bella idea, se non avesse avuto lo sponsor e calzoncini bianchi sarebbe stata ottima

  • dario

    Domenica scorsa nella partita Castel Rigone- Perugia, sono state indossate le stesse maglie. Ora sono in vendita presso alcuni negozi di Perugia.

  • salvatore

    Da un simpatizzante mostruoso del perugia (anche se ci siete costati uno scudetto) le magliette della galex sono bellissime al quanto prima spero almeno possiate tornare in serie B !!!! la c2 e vostra vediamo se qualke squadra salta e possibile un salto direttamente in c1 ????? come fece la fiorentina d’altrone

  • ferro

    la maglia del 99/00 dovrebbe essere questa:
    http://img858.imageshack.us/i/dscn1259.jpg/

    quella storica sembra essere della umbro, c’e’ il logo sui pantaloncini di vannini e la maglia nonostante la sua assenza era un tipo di maglia che la marca commercializzava nella fine dei ’70, il parma, testimonial umbro di lungo corso ( l’importatore ufficiale era di noceto in provincia di parma per l’appunto…) in serie C all’epoca ne aveva una versione crociata e una blu con bordi gialli ( quest’ultima coi caratteristici rombini sulle maniche), inconfondibili il collo a v a doppia riga e i colletti strisciati. ho alcune foto di tali maglie su di un libro ,provo a vedere se riesco a postarle futuramente.

  • http://www.facebook.com/pages/Marco-Storari/54904214602 AntoMSfan

    Ciao! Mi servirebbe un aiuto: di che stagione è questa foto? https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10150268872699603&set=a.10150268872609603.375896.54904214602&type=1&theater

    Grazie mille, Anto

  • Pingback: Maglie Perugia 2014-2015, FG Sport esordisce in B()