SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Quella di ieri doveva essere una conferenza stampa in cui il CT della nazionale belga, Marc Wilmots, rendeva noti i convocati per la partita amichevole contro la Costa d’Avorio il prossimo 5 marzo allo Stade Roi Baudouin di Bruxelles.

Un incontro di routine con i giornalisti, se non fosse che a “stravolgere” il copione della giornata ci ha pensato un tweet, pubblicato poco prima dell’inizio della conferenza stampa, in cui si annunciava una grande rivelazione. All’interno del messaggio da 140 caratteri erano allegati una foto e un video che svelavano le divise che il Belgio vestirà ai Mondiali 2014, realizzate dallo sponsor tecnico Burrda Sport.

Kit Belgio 2014-2015 Burrda

La nazionale dei diavoli rossi, dunque, cala un tris di maglie attraverso una presentazione non in pompa magna, ma affidata semplicemente ad un video animato in cui i giocatori Vermaelen, Chadli, Vertonghen e Dembele si improvvisano attori che introducono le nuove casacche. Tre maglie ciascuna con un colore dominante differente che messe insieme formano il tricolore belga.

Si parte con una prima maglia rossa impreziosita dai colori della bandiera nazionale sul collo a giro e sul bordo maniche. Il nero e il giallo sono ripresi sul pannello frontale attraverso l’inserimento di due bande orizzontali, di grandezza differente, che si interrompono a ridosso dello stemma dell’Union Royale Belge des Sociétés de Football Association, la federcalcio belga.

Maglia Belgio Mondiali 2014

Il marchio dello sponsor tecnico, così, viene centrato sotto il collo e fa da contraltare alla scritta “Belgium” posta sul retro del colletto. Sul versante inferiore della maglia è stato inserito un watemark che rappresenta la corona del Re dei Belgi, così chiamato proprio per sottolineare il legame della monarchia alla volontà nazionale. A fare pendant con la maglia ci pensano i pantaloncini e calzettoni rossi con i primi decorati con bordi inferiori in nero e giallo.

Belgio kit home 2014 Burrda

Cambio di colore e di aspetto grafico per la seconda maglia che si veste delle tinte scure del nero. Il template della maglia rimane uguale, con il collo a giro realizzato decorato dal tricolore, così come i bordi delle maniche. Il watemark della corona reale lascia il posto ad una doppia banda diagonale gialla e rossa che attraversa tutta la maglia e si interrompe solo per mettere in evidenza il logo dello sponsor tecnico riempito in bianco. I pantaloncini e i calzettoni neri vanno a completare la divisa away per i belgi.

Seconda maglia Belgio Mondiali 2014

Dopo il rosso e il nero, la terza maglia per la selezione dei diables rouges si tinge di giallo. Viene ripreso lo stesso impianto grafico della prima maglia: watemark rappresentante la corona reale, due bande orizzontali di grandezza diversa sul petto, bordi del collo e delle maniche che riportano tutti e tre i colori della bandiera belga. A differenza dei primi due kit,  questa terza divisa si completa con pantaloncini neri che spezzano il monocolore della maglia ripreso dai calzettoni.

Belgio terza maglia Mondiali 2014

Al tris di maglie dei giocatori di movimento è stata affiancata la presentazione della divisa dei portieri, con un scelta cromatica differente ricaduta sul verde e il richiamo alla bandiera belga sul girocollo. Decorano il versante frontale una serie di bande orizzontali, a lunghezza progressiva dall’alto verso il basso, realizzate con gradienti di colori della stessa tonalità della maglia.

Belgio divisa portiere Mondiali 2014

In fase di progettazione delle divise, un occhio di riguardo è stato riservato alla tecnologia impiegata per la realizzazione delle maglie, tenendo conto del caldo e dell’umidità del clima brasiliano. Sono stati apposti inserti in mesh ricavati al laser e fori di ventilazione appositamente impiegati in zone critiche, per garantire miglior traspirazione e comfort.

Il tutto realizzato attraverso un lavoro concertato tra la Federazione e la Burrda Sport:  “Il design di queste tre maglie è stato creato in armonia con la Federazione”, ha sottolineato il direttore delle comunicazioni di Burrda Sport, Marie Gérard, mettendo in risalto come il rapporto con la federcalcio belga si sia consolidato negli ultimi quattro anni di partnership. Tuttavia, il contratto con il fornitore qatariota è in fase di rinegoziazione in quanto scadrebbe a mondiale concluso. Staremo a vedere eventuali sviluppi sul rinnovo o meno della sponsorizzazione tecnica.

Nel frattempo con questa presentazione multipla il Belgio è pronto, quanto meno a livello di abbigliamento, per affrontare il mondiale brasiliano, il cui esordio avverrà il 17 giugno contro l’Algeria.

  • MARCO0890

    Sembrano divise da prima categoria.
    Ma dal mio punto di vista il risultato è ottimo.

  • squaccio

    Forse avrei invertito 2a e 3a, ma restano lavori molto buoni.
    Promosse.

    • Geeno Lateeno

      Anche secondo me….
      Un ottimo lavoro

  • ZampaZampa92

    Finalmente un marchio che ci ha messo della fantasia nel suo lavoro.

    Le trovo anche belle e curate, e mi ricordano in parte alcune belle divise anni 90′.

    Forse avrei evitato di interrompere la doppia striscia diagonale nella maglia nera, ma alla fin fine è solo un dettaglio.

  • Moa

    Mah non mi piacciono per nulla.

  • Junglefever

    non le ritengo chissachè ma perlomeno non mi fanno bestemmiare come le away di giappone e spagna. Ritengo siano migliorabili tutte, ma ricordo gli orrori di Burrda all’esordio, quindi, personalmente una sufficenza gliela dò, almeno per l’impegno.

  • Tux

    stavolta le divise di Burrda per il Belgio meritano solo applausi.

  • Daniele Costantini

    Intendiamoci, si tratta di maglie niente affatto disprezzabili, anzi… ma ciò nonostante, le ritengo non al livello di una compagine nazionale. Mi piacciono soprattutto colletto e bordini col tricolore belga, ma il resto delle uniformi non mi esalta particolarmente.

    Nello specifico di home e third, le ritengo due divise da “troppo cose in pentola”: come personalizzazione, avrei optato ‘o’ per la fascia colorata sul petto, ‘o’ per la serigrafia della corona; messo entrambe assieme sulla casacca, trovo che i due dettagli cozzano non poco, generando un insieme stilisticamente molto ‘pesante’. Decisamente più apprezzabile la away, l’unica che mi da l’idea di un qualcosa di ‘Nazionale’; peccato solo per l’interruzione presente nella sbarra all’altezza del logo Burrda, davvero una caduta di stile.

    Sul rinnovo con Burrda, sinceramente non metterei la mano sul fuoco: oggi, credo che una nazionale belga tornata finalmente competitiva ad alti livelli dopo un decennio buio, possa fare gola a una delle ‘tre sorelle’.

    P.S. – Facendo un paragone tra la maglia azzurra e quella belga, lo scudetto utilizzato tuttora dal Belgio è, come dire, “interessante”… ma trovo non ci sia paragone con quello reso celebre dalla squadra di Euro ’80 ( http://www.oldfootballshirts.com/img/shirts/1026/belgium-home-football-shirt-1979-1990-s_17164_1.jpg ).

    • Niccolò Mailli

      Che bello lo scudetto di Euro ’80 !!!!!
      E’ la prima volta che lo vedo.. visto che si parla anche di rinnovo del contratto con Burrda nell’articolo spero che arrivi Warrior e, come già fatto con Liverpool e Siviglia che sono tornati ai vecchi stemmi, riporti alla luce questa bellezza!

      • Gianluca

        E’ vero, stupendo lo scudetto in questione.

      • Danilo

        credo che il logo di euro 80 sia troppo fiammingo e poco vallone..

  • con_safo

    carine, ma moscie

  • jojo

    Sono sincero, niente di chè, Burrda non mi piace ed il lavoro poteva essere migliore. Nella home si salva solo la corona stilizzata, nella away le bande giallorosse potevano essere in verticale, la terza non mi piace. Prima maglia: 6, Seconda maglia:5, Terza maglia: 4

  • Titlos85

    ma da quando le nazionali hanno la 3.a maglia? dopo il Brasile (anche se, come detto, non potrà essere usata in quanto lo statuto della Federcalcio brasiliana permette solo la maglia oro [1^] e blu [2^]), anche il Belgio…

    • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

      A me un discorso di terza maglia anche per le nazionali non dispiacerebbe… anzi sarei favorevole. Anche perché ormai le maglie third (ed away) spesso sono utilizzate anche dai portieri, quindi la casacca third di una nazionale potrebbe essere buona anche per gli estremi difensori. Ovviamente mantenendo colori classici e che hanno a che fare con le nazionali.
      Dal mio punto di vista, ad esempio, non sarebbero male questi colori di maglie third che potrebbero essere utilizzate anche dai portieri:
      – Italia : blu navy
      – Brasile : verde scuro
      – Olanda : blu o nera (se la away è bianca)
      – Germania : nera o rossa (se la away e verde)
      – Uruguay : rossa o marrone (quest’ultimo colore abbinato al celeste è una bomba)
      – Argentina : nera (se la away è blu royal)
      – Inghilterra : blu navy
      – Francia : rossa
      – Spagna : blu navy (se la away è bianca)
      – Portogallo : blu navy o verde scuro

      • Daniele Costantini

        Sono sulla tua stessa lunghezza d’onda circa l’introduzione in pianta stabile di terze maglie per le compagini nazionali; meno sui colori… nel caso specifico dell’Italia, al posto di una third blu navy – che peraltro abbiamo già avuto, usata nel 2004 per un’unica amichevole contro l’Islanda ( http://i.ebayimg.com/00/s/MzY4WDU1MA==/z/1PwAAMXQlgtSzExo/$_1.JPG?set_id=8800005007 ) – preferirei nettamente una maglia ‘rosso corsa’, colore che nello sport ci rappresenta al pari dell’azzurro.

        • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

          No, l’Italia in rosso proprio no. Blu navy secondo me sarebbe perfetta (anche perché come hai detto tu l’abbiamo già utilizzata) oppure nera (e lasciamo stare la politica).

      • squaccio

        Cancellate questi post altrimenti adidas vi legge e coglie la palla al balzo…
        io invece sono contrario perchè se in campionato puo’ essere una discreta operazione commerciale, anche per la durata del campionato stesso, non mi piacerebbe assistere in un mondiale ad una Spagna in maglianera con dettagli fluo e la danimarca in bianco con dettagli azzurri.

        Ops…………………….

        lasciamo stare almeno le maglie delle nazionali, compresi abbinamenti con calzoncini e calzettoni…

    • Daniele Costantini

      In realtà, pur essendo una rarità, la terza maglia per le nazionali non è una novità recente: su tutti l’Inghilterra, che da Mexico ’70 ( http://www.englandfootballonline.com/images/Plyrs/C/Clarke,%20Allan.BMP ) ai primi anni ’90 ( http://www.englandfootballonline.com/images/Squads/Eng1988.bmp ) ha ciclicamente proposto delle third color celeste. Ciò si spiegò col fatto che la FA voleva riportare in auge quella totalità cromatica, dopo che dagli anni ’30 ai ’50 la away dei Tre Leoni fu stabilmente blu.

      Senza contare i vari esperimenti che nello stesso periodo hanno riguardato le seconde maglie degli inglesi, col canonico rosso sostituito dal giallo dei primi anni ’70, o dall’indaco di Euro ’96…

    • FERT

      Sinceramente per le grandi manifestazioni preferisco sempre le due maglie classiche. Tuttavia per le qualificazioni, una terza maglia non dispiacerebbe no…e la maglia Blu Navy dell’italia la sogno la notte 🙂 assolutamente fantastica. Prima azzurra, seconda bianca (che a me fa impazzire, qualunque sia) e terza Blu scuro. TOP !

  • ppr11

    La home brutta. Mooooolto bella la Away. Almeno non sono oscene come adidas per il mondiale

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Direi belle divise, promosse tutte.
    Nella home e nella third non avrei interrotto la banda orizzontale e l’avrei fatta proseguire anche sotto lo stemma della federcalcio belga. Così come nella away non avrei interrotto la banda diagonale in prossimità del simbolo Burrda.
    Detto questo mi sembrano divise abbastanza curate e personalizzate.

    Una cosa non mi è chiara: ci sono due versioni di divise?
    Nella home ci sono due tipi di stemma della federazione calcio belga, uno contornato di nero e uno scontornato. Nella divisa gialla invece la corona in watermark è molto alta in un’immagine, mentre in un’altra è più bassa e allo stesso livello di quella presente nella maglietta rossa.
    Differenze tra prototipo e kit definitivo o differenze tra kit usato in campo e kit venduto negli store?

  • Maurizio

    A me, nel 2014, le maglie piacciono così! Nè troppo demodè come le banalità della Nike, ne troppo fantasy come le porcherie di Adidas.
    Le migliori maglie del mondiale finora le ha realizzate l’azienda più “povera”
    FORZA BELGIO allora!

  • riccardo

    Un po’ troppo bizzarre

  • upuntou

    Ottime!

  • Swan

    Sono un tris di maglie che non mi entusiasmano. Di home e third salvo i bordini con il tricolore belga, per il resto il watermark XL della corona è una gran pacchianata mentre la righina nera sfumata sul petto non rende, sarebbe stato meglio una riga piena in nero a fasciare il petto da parte a parte.
    La away sembra una delle tante maglie scure con banda obliqua bicolore riproposta da vari club in Italia con l’ aggravante dell’ interruzione per il logo della Burrda, davvero poco elegante.
    In generale trovo che i kit del Belgio hanno perso fascino rispetto al passato quando la nazionale vestiva maglia rossa, panta neri e calze gialle.

  • dimarge

    senza la corona erano accettabili. Ahh, grandi squadre rovinate da maglie orribili..

  • sergius

    Non mi fanno impazzire, non sembrano maglie da squadra nazionale ma almeno sono rispettose dei colori nazionali e quindi dell’immagine del Paese che rappresentano.

  • Gianluca

    A me piacciono. Avrei preferito la prima e la terza senza le due strisce pettorali.
    Una cosa che non ho mai capito è per quale ragione il Belgio giochi in maglia rossa, colore esclusivo dei Valloni, invece del giallo che rappresenta le due realtà etniche, il colore comune di entrambe le bandiere.

  • http://www.teamcar.biz stefano11

    secondo me hanno fatto un discreto lavoro, decisamente meglio di Adidas, ma inferiori a Nike. Promosse voto 7 per tutte.

  • cisky

    Mah, accettabili, secondo me, ma nulla di entusiasmante. Ma perché nessun marchio più prestigioso si è interessato al Belgio? Non è una nazionale di primissima fascia, ma non mi sembra da meno di Galles o Polonia, tanto per fare due esempi a caso che hanno sponsor tecnici noti.

  • LM

    Tre modelli davvero bellissimi, davvero ben riusciti. Bella la prima e quella gialla, affascinanti per il watermark della corona e la striscia orizzontale che si interrompe, che rende la maglia moderna ma tradizionale al tempo stesso. Avrei messo solo il logo, il lettering del logo tecnico lo avrei rimosso. Buona anche la vestibilità, bello il colletto e gli orli con il tricolore belga. Belli quindi i due modelli simili giallo e rosso, ma preferisco quello rosso anche per la sua eleganza. Molto bella anche quella nera, semplice ed elegante con gli orli e colletto a tricolore e la banda trasversale sfumata, moderna e ben riuscita. Bello anche il modello da portiere, che avrei preferito con i dettagli della corona e della banda tricolore sfumata in orizzontale. Bello anche il font. Insomma, il Belgio avrà divise davvero belle per questo Mondiale, sicuramente fra le migliori, vista anche la scarsa concorrenza.
    P.S.:no alle bandierine celebrative per ogni partita, tantomeno le scritte, lasciamo pulite le divise delle nazionali.

  • Niccolò Nottingham Forest

    Video carino e simpatico per presentare una delle collezioni che fino a questo momento mi piacciono di più tra le varie maglie dei mondiali.
    Non mi convince molto la maglia nera con doppia sbarra diagonale, un pò troppo Lecce, inoltre non un gran che dal punto di vista stilistico interrompere la fascia all’altezza del logo dello sponsor tecnico. Avrei preferito una maglia nera creata sul modello delle altre due.

    Spero nei seguenti colori per le personalizzazioni:

    Home: nero bordato giallo
    Away: giallo bordato rosso
    Third: rosso bordato nero

    A proposito curioso di vedere come sarà inserito il numero nel pannello frontale della Away (spero senza la seconda interruzione della fascia, si sà che FIFA è molto fiscale a riguardo… ricordiamo la porcata imposta alla nazionale del Camerun quattro anni fa).

    http://it.puma.com/system/team_photos/1/original/cameroon-panel.jpg?1285268645
    (notate il numero 18 e 21)

    Vado un momento O.T. e dico che il Camerun ne fa di confusione con le forniture… trova le differenze :

    http://www.thesundaytimes.co.uk/sto/multimedia/dynamic/00323/Samuel-Eto__8217_o_323882k.jpg

    http://lions4life.com/wp-content/uploads/2012/11/2012_NOV_LIONS_amical_game_ONZE-640×360.png

    Eto’o è l’unico con la maglia diversa.. ok che è il più forte ma… 🙂

  • Eugenio

    Maglie oneste, non bellissime.
    Home e Third troppo pasticciate, ci sono molte cose che non rendono bene insieme, come la serigrafia e la striscia. Troppo basso lo stemma per dar spazio ad un troppo centrale logo. Vedo meglio la third della home.
    La Away invece ha un template migliore, molto più bella dell’altro tipo. Non mi piace però il toppone nero dello sponsor.
    In generale, un Belgio che, nonostante l’ottima squadra, possiede maglie piuttosto scarse.

    Voti 6,5 – 8 – 7

  • Lord Balod

    Bel lavoro,ma tutti questi particolari sulle maglie fanno perdere il senso dell’iconicità di una divisa,a me quando penso alle maglie delle nazionali viene subito in mente una maglia pulita.Tutti questi particolari lasciamoli ai club,che cambiano divisa ogni anno…una nazionale può farci almeno due anni con un kit

  • xtm87

    Anche se sono abbastanza originali a me non piacciono questi completini. Dispiace che una squadra forte come non mai quest’anno non possa avere un top sponsor.

  • Gigi

    beh,fossero state nike o adidas avremmo visto,in ordine,una monocolor rossa,una monocolor nera,una monocolor gialla e una monocolor verde per il portiere…
    ah no,coi righini sempre neri,gialli e rossi un po’ più scuri,per me promosse

  • lfc

    Bocciata! Troppi “fronzoli”, “disegnini” e “righette”. Per il belgio avrei visto bene una monocolor tradizionale, non roba eccentrica!

  • rudiger

    finalmente qualcosa di realmente innovativo. intendo il disegno della fascia interrotta in prossimità dello stemma
    non sono un fan dei watermark e questo non mi piace neanche come disegno, però non mi disturba troppo
    mi sento di promuovere Burrda anche se mette loghi troppo vistosi, soprattutto sulla maglia nera.

  • Stavrogin

    Mmm non so, mi pare troppo affollata per essere la maglia di una nazionale.
    Ricordano maglie da ciclismo (che ci può stare, vista la tradizione belga).

  • VIto76

    Il kit nel suo complesso non e’ malvagio se pur si poteva fare un po meglio.Il colore di base va bene con i bordini tricolori sui bordi delle maniche e quelle due strisce nera e rossa orizzontali sulla parte destra del petto che ornano la casacca in maniera sobria e leggera ma allo stesso tempo al passo con il designe moderno.Le pecche’ pero’ ci sono nella maglia tralasciando il kit intero ed in primis il disegno serigrafato della corona belga che a mio avviso “sporca” la sobrieta’ della casacca facendo sembrare il disegno uno spruzzo d’acqua tirato addosso alla maglia del calciatore e poi perche’ essendo un disegno leggero si notera’ molto e sembrera’ solo uno scarabocchio.Non capisco questa mania di fare spessodisegni serigrafati e appena poco distinguibili sulle maglie delle nazionali ben sapendo poi che addosso ai calciatori e nelle immagini in tv o sembrano schizzi indefinibili o non si notano affatto rendendo inutile il disegno.Un’altra pecca e’ il logo Burda messo li’ in alto al centro quando poteva essere collocato a sinistra poco sopra le due strisce orizzontali o perche’ no anche al suo interno,mentre cosi’ messo al centro stona parecchio considerando il fatto che e’ stato collocato troppo in alto.Parlando del kit intero mi fa molto piacere che si sia tornati al completo all-red come nel corso di tutti gli anni ’90 ed inizio anni 2000 e con questi righini neri e gialli che sono quasi in stile vintage per questa nazionale abbandonando i calzoncini neri e calzettoni gialli che sinceramente davano un effetto arlecchino al kit se pur sono i colori della bandiera,ma siccome il Belgio ha quasi sempre avuto il rosso come colore predominante e giusto che si sia tornati al completo rosso come ai bei tempi di Scifo e compagni.La maglia away non e’ malvagia nemmeno essa con un completo nero e quelle due strisce diagonali rossa e gialla che se pur spezzate dal logo Burda non sono male anzi lo spezzamento rende molto a mio avviso.Voto alla maglia Home 6,5 al kit insieme 6 mentre la away do un 6,5 sia alla maglia che al kit intero.Riguardo alle norme FIFA sulle divise in questo caso non ci sono dubbi con che abbinamento giochera’ in Brasile perche’ avendo un kit monocolore non dovra’ modificare nulla nel suo abbinamento ed anzi il completo rosso e’ quello classico per questa nazionale.

  • VIto76

    Non capisco perche’ il Belgio ha uno sponsor tecnico sconosciuto ai piu’ quando in passato e’ stato spesso griffato Adidas e Nike con una parentesi anche con la Diadora (Mondiali Usa 1994).Daccordo che questa nazionale torna dopo anni ad una competizione importante e magari i grandi colossi dell’abbigliamento sportivo non hanno prolungato il contratto con la nazionale rossa pero’ da qui a passare a Burda che e’ meno conosciuta persino della Legea o Givova c’e’ ne vuole.

    • Passione Maglie

      Che noia se tutti avessero i soliti brand, ben vengano i marchi emergenti se con progetti seri e ambiziosi.

      • Giorgiol02

        Già e poi,visto il lavoro che hanno fatto c’è da fargli gli applausi

  • Renzo

    Non mi piace quella riga orizzontale e incompleta dai colori sfumati, se no sarebbe una bella maglia.

  • ste2479

    hanno qualcosa di incompiuto..
    la maglia nera (forse la più bella tra le tre) ha poi la banda interrotta per far posto al marchio burrda (non potevano inserirlo a centro maglia???)
    che orrore!!
    salvo solo la modella della presentazione ! 🙂

  • Giorgiol02

    Il video è simpatico,le maglie sono fra le migliori fra le maglie del mondiale ma,fatemi capire… A che serve la terza?

  • Gody

    Sinceramente non mi piacciono. Sono abbastanza convinto che la maglia della nazionale deve rappresentare la nazione alla quale appartiene ed essendo il Belgio una monarchia mi aspetto una maglia elegante e semplice, una maglia regale.
    Burrda è uno sponsor tecnico che non mi piace, soprattutto per quanta riguarda le maglie away (spesso inguardabili) e secondo me non è lo sponsor adatto per il Belgio.

    Meglio una maglia Adidas monocolore gialla, con le classiche tre strisce nere e rosse, colletto a polo nero bordato di giallo. Questa secondo me è una signora maglia!

  • lop

    Non sono dei capolavori
    1a 6
    2a 3
    3a 7

  • Adriano

    Anche se la corona sulla pancia può sembrare un elemento che arricchisce il completo, in questo caso è una vera pacchianata anche perchè la vestibilità della maglia è mediocre e proprio sulla pancia si increspa e la corona diventa un disegno astratto voto 3.

  • NelloStileLaForza

    A me, personalmente, le nuove maglie non piacciono a causa del watermark “monarchico” troppo evidente, ma va riconosciuto che il Belgio è una delle poche nazionali europee che, per tradizione, sperimenta.
    Ricordate le tenute Admiral del 1982?
    http://www.oldfootballshirts.com/img/shirts/1026/belgium-home-football-shirt-1981-1982-s_3394_1.jpg

    Due anni dopo, agli Europei del 1984, fu la volta delle temibili maglie a losanghe stile gilet
    http://3.bp.blogspot.com/_VWGof-zXooo/TNFNbKP-ajI/AAAAAAAAIU8/3Wpfc_oa634/s1600/18-Jan+CEULEMANS+Panini+Belgique+1984.png

    Insomma, osare – o non trovare la pace – è nel suo Dna.
    In questo senso, ben vengano le nuove maglie, e anche le prossime.

  • Pingback: Maglie Belgio 2014-2015, i tifosi contro adidas()