SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

È iniziata con la presentazione ufficiale delle nuove maglie 2015-2016 l’avventura di Macron con l’Union Berlin.

Le divise sono state svelate nella capitale tedesca durante una conferenza stampa e per l’occasione sono state indossate dal capitano Damir Kreilach, dal nuovo acquisto Benjamin Kessel e dal portiere Daniel Haas.

Presentazione kit Union Berlin 2015-16 Macron

Per la loro realizzazione l’ufficio stile di Macron ha collaborato con la dirigenza del club berlinese per dare vita a prodotti basati sui principi di sartorialità e tailormade.

PRIMA MAGLIA UNION BERLIN 2015-2016

La nuova maglia home è di colore rosso con l’aggiunta di una serie di righe verticali tono su tono. Il colletto è alla coreana, bianco con bordo rosso, ed è chiuso da due bottoni. Sul retro dello stesso è apposto il motto “Eisern Union”, mentre all’interno è stampato il coro cantato dai tifosi: “Unsere Liebe, Unsere Mannschaft, Unser Stolz, Unser Verein”.

Maglia Union Berlin 2015-16 home

Colletto casacca Union Berlin 2015-16 Chiusura bottoni maglia Union Berlin Retro collo maglia Union Berlin

Il bianco decora anche il bordo del colletto e due tasselli posti in basso sui fianchi. Sulla parte posteriore trovano posto il nome completo della squadra – 1. Fc Union Berlin – il numero e il nome dei giocatori.

I pantaloncini sono rossi, ad eccezione degli inserti sui lati, mentre sui calzettoni spicca l’alternanza di righe bianche e rosse.

Font nomi numeri Union Berlin 2015-16

SECONDA MAGLIA UNION BERLIN 2015-2016

Per le trasferte Macron ha proposto una divisa nera caratterizzata da un tessuto millerighe che si intravede sullo sfondo. Le righe, stavolta rosse, sono le protagoniste anche sul colletto a polo e sul bordo delle maniche.

Seconda maglia Union Berlin 2015-2016

I calzoncini sono neri, i calzettoni invece a righe orizzontali rosse e nere.

Qualche giorno prima del lancio ufficiale le due maglie sono state mostrate in anteprima a Sylvia Kegel e Renè Röder, i due tifosi che hanno vinto un concorso ideato dal club tedesco in accordo con il brand felsineo.

Pavanello con i tifosi dell'Union a Bologna I tifosi dell'Union Berlin in visita nella sede Macron I due tifosi fortunati con le maglie da portare a Berlino

I due fortunati tifosi hanno visitato la sede dell’azienda a Crespellano e fatto un giro tra le bellezze di Bologna. I dirigenti di Macron, tra cui l’AD Gianluca Pavanello, gli hanno spiegato tutto il processo di sviluppo dei nuovi capi prima di donargli un pacco speciale. All’interno erano custodite le divise da consegnare allo stadio An der Alten Försterei per la presentazione.

 

  • Magliomane

    Pur da estimatore di macron, devo dire che stavolta boccio.
    La maglia dell’Union, gia di per se poco entusiasmante, e’ resa banale da un design troppo semplice.
    La “fortuna” delle tedesche e’ la tradizione a non avere una tradizione fissa in fatto di maglie, il che in genere lascia spazio alla fantasia, fantasia che qui manca completamente.
    Oltretutto sto sponsor bianco-blu-arancio e’ davvero fastidioso.

    Compitino a cui non posso dare piu di 5.

  • Swan

    Per nulla entusiasmante la home, un po’ più interessante la away per via dei bordi a righine rosse.
    Alla fine in questi due kit l’elemento migliore sono i calzettoni.

  • F093

    mi sembra molto pacchiana e dozzinale , ma forse devo solo far decantare l’estasi del lavoro di umbro per il west ham….

    F093
    old style

  • 8gazza

    INGUARDABILI, mi spiace per Macron!

  • squaccio

    …io invece le promuovo.

  • MM531

    Home: Ok, dovevano scegliere un modello preimpostato. Ma prendetene uno buono, questo fa veramente pena! E col tono su tono, poi, sembra anche peggio dell’ex third laziale… Un bel 4 per iniziare.
    Away: un modello buono impreziosito da un tono su tono decente. I colori non sono il massimo, l’abbinamento molto nero-poco rosso non mi piace per nulla. 6.
    Portieri: peggio della prima. Sembra una camicia di bassissima fattura, con un colletto a caso. 3.
    Complimenti a Macron, riuscita a toppare con un abbinamento bello ma facile da “ammaestrare”.

  • Stefano Pede

    Un bel lavoro pulito e con dettagli interessanti, bene per iniziare

  • Marcello

    Personalmente boccio la prima, accettabile la seconda.

  • Ark

    Ma che noia piattissime e troppo lineari.

    Voto 4

  • Tony

    Maglie non male, anche se non mi entusiasmano particolarmente. Credo che a rendere la maglia un po’ insipida e’ anche lo stemma non proprio entusiasmante del club.
    Fossi stato Macron, nel dover adottare un template della passata stagione, avrei usato il modello della seconda maglia dello Sporting di quest’anno passato ed avrei inserito l’orso (al posto del leone) nella scollatura laterale del colletto.

  • Renzo

    La rossa: anonima con un brutto colletto.
    La nera: anonima con un colletto decente (ma a me non piacciono le maglie nere)
    Veramente brutto lo stemma. Sembra una pubblicità di terz’ordine!
    Insomma male…

  • Vittorio

    La prima è molto bella con il colletto curatissimo con bottoncini. È ovvio che Macron strizza l’occhio alla umbro di fine anni ottanta sia per la sobrietà che per la cura dei particolari com’anche i bordini delle maniche. 9

  • Amedeo

    Niente sulla maglia del portiere?

  • Eugenio

    Mah, carine.. Sono le classiche maglie che ti lasciano così, che non ti sanno di niente. Però nota di merito ai calzettoni che spezzano la monotonia che domina il resto della maglia. Ma nota stonata per il colletto della prima, per cui vado contro in ogni sua riproposizione.

  • rudiger

    Effetto cappio al collo

  • hangingjudge

    La seconda potenzialmente è bella, ma sponsor e stemma non aiutano per niente Macron. Toppo dozzinale il font del nome della squadra

  • Alessio

    Macron ha fatto di meglio.
    La prima maglia ha un colletto quantomeno discutibile.
    La seconda mi pare migliore.
    Molto bello il font utilizzato.
    In generale, mi pare che si siano scelte soluzioni un po’ scontate, ma va ricordato che il gusto estetico dei tedeschi è molto diverso dal nostro e quindi il giudizio è difficile.

  • NelloStileLaForza

    Deludenti, nonostante la cura in (alcuni) particolari.
    Questa volta il lavoro di Macron non mi convince appieno.

  • Daniele Costantini

    Vista la travagliata storia degli Eisern, direi che stavolta calza a pennello la definizione di maglie “socialdemocratiche”. Delle oneste casacche, molto semplici ed essenziali. Fin troppo.

    La più interessante, paradossalmente, risulta la away, mentre nel caso della home è stato a mio avviso compiuto un passo indietro rispetto a quanto visto negli anni passati con Uhlsport – che pure non si fece certo notare per originalità. Solo i calzettoni trovo davvero riusciti, per il resto la divisa manca totalmente di quel guizzo capace di colpire lo sguardo.

    Ammetto che avevo delle discrete attese circa il matrimonio fra Macron e Union Berlin, uno dei “piccoli” club che negli ultimi anni abbiamo più seguito da vicino nel blog. Giudicando il primo frutto di questo binomio, non riesco ahimé a mascherare una certa delusione.