SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Ieri è stato il turno di Cristiano Ronaldo e Nike, stasera sarà invece un altro campione a debuttare con un nuovo scarpino, la nuova generazione di adizero f50 adidas, la scarpa da calcio che permette ai giocatori di essere ancora più veloci. Leo Messi le indosserà nella sfida di Champions League tra Barcellona e Celtic.

Messi scarpe adizero F50

Il peso di soli 165g la colloca tra gli scarpini più leggeri sul mercato e viene proposta nella nuova colorazione, giallo/nero/verde, che permetterà a coloro che la indossano di avere ancora maggiore visibilità.

La nuova adizero f50 è stata progettata con tecnologie rivoluzionarie: Sprintskin è uno strato sintetico molto sottile, appena 1.5 mm, che permette alla scarpa di essere leggerissima e di avere un feeling perfetto nel contatto fra palla e piede. Sprintweb è la struttura 3D che si trova sulla superficie della scarpa e consente un eccezionale controllo di palla in velocità grazie ad una struttura flessibile ma allo stesso tempo stabile. Sprintframe è la parte finale della scarpa sotto al tallone che fornisce ai giocatori uno scarpino perfettamente bilanciato.

Scarpe adizero F50 adidas

Le tecnologie per la next-generation sono state pensate per regalare ai giocatori “velocità pura”. Inoltre utilizzando adidas miCoach le performance possono essere tracciate, analizzate e confrontate con quelle dei migliori giocatori al mondo o con i tuoi amici, attraverso i social network. La cavità appositamente realizzata nella nuova adizero f50 può infatti contenere miCoach Speedcell che registra dati come la velocità massima, i chilometri percorsi e le zone attive. Dopo averli registrati, i dati possono essere trasmessi wireless ad iPhone/iPod oppure PC/Mac consentendo ai giocatori di analizzare le proprie performance, ricevere consigli e capire come migliorarsi.

F50 adizero scarpe calcio adidas

Da metà novembre, anche alcuni dei più forti giocatori al mondo indosseranno la nuova scarpa: fra gli altri Dani Alves, Karim Benzema, David Silva e David Villa.

Le nuove adizero f50 saranno disponibili nei negozi a partire da dicembre. I consumatori possono anche scaricare una esclusiva applicazione mobile che darà accesso a contenuti esclusivi riguardo la nuova scarpa e per entrare nel mondo adidas e dei suoi testimonial.

  • raido

    Le adizero f50 mi sembrano troppo ”futuristiche” nel design, sembrano quasi armature per i piedi, ed è per questo che non mi piacciono.

  • Wario

    scusate l’ignoranza… ok i calciatori-testimonial, ma gli altri se le comprano al negozio di sport o vanno a ingrossi che hanno proprio quelle professionali?? nel senso quelle che vado a compra al negozio di sport sono le stesse identiche per qualità e materiali di quelle indossate dai professionisti?? non penso…

    • passionemaglie.it

      Come per le maglie esistono più versioni, le top di gamma superano anche i 200 euro e sono quelle indossate dai professionisti.

      E’ indubbio che i calciatori possano avere personalizzazioni o accorgimenti particolari in base alle loro esigenze.

      • DY

        Mi ricordo di un video realizzato dalla Nike dopo i Mondiali 2006, dove veniva raccontata la realizzazione delle scarpe celebrative per i giocatori italiani freschi campioni del mondo (ovviamente, solo per quelli che calzavano Nike!).
        Veniva mostrata questa fabbrica della Nike, credo fosse in Veneto, dove venivano realizzate le scarpe da calcio (presumo fosse una fabbrica “specializzata” nel rifornire i calciatori professionisti).
        Per quanto riguarda i nazionali italiani (Cananvaro, Materazzi, Zambrotta, Pirlo…), per ognuno di loro avevano lo stampo esatto della forma del loro piede, e la scarpa veniva modellata su di essi. In pratica, un modello unico ed esclusivo (presumo che anche gli altri marchi facciano così per i loro ‘top-player’). Non che sia una novità: nella moda, Salvatore Ferragamo usava fare così con le dive del cinema fin dagli anni ’30.
        ____

        Sempre invece riguardo le scarpe dei calciatori, c’è un aneddoto interessante raccontato da Evaristo Beccalossi sull’ultimo numero del ‘Guerin Sportivo’.
        In pratica, rivela che ai tempi del Brescia aveva iniziato a giocare usando le Tepa, poi una volta arrivato all’Inter scoprì le Puma, e da allora giocò sempre con esse fino alla fine della carriera… anche quando aveva accordi di sponsorizzazione con altre aziende: si era messo d’accordo col magazziniere dell’Inter, che gliele “mascherava” per non far vedere il marchio! 😀
        Con le scarpe multi-color di oggi, sarebbe una cosa improponibile…

  • Stavrogin

    Non vorrei sembrare irrispettoso, ma tutti questi accorgimenti ‘tecnologici’ sulle scarpette mi fanno sorridere.
    “Maggiore controllo di palla”… Figuriamoci. Se sbagli uno stop lo sbagli con qualsiasi scarpa da calcio 😀

  • Daniel

    Meglio Nike, Stavrogin dice cmq una sacrosanta verità, se sei una pippa e indossi le Adizerof50 o le Mercurial Vapor, sempre pippa rimani.
    La scarpa di per sè non sarebbe nemmeno male ma avendo provato entrambe, il modello precedente ovviamente, personalmente Nike ha qualcosa in più, forse più leggera, la forma sembra migliore…Non saprei, è un giudizio relativo e molto personale.

  • rudiger

    Certo, Messi con scarpini gialloverdi… sará per questo che ieri sera ha mancato un paio di gol?
    Comunque, se fanno andare i giocatori piú velocemente, le manderei a un paio di giocatori della Roma.

  • passionemaglie.it

    Difficile, anzi, impossibile dire quale sia la scarpa migliore tra Nike, adidas, Puma e senza dimenticare tanti altri validi marchi.

    E’ ovvio che nessun prodotto permette di trasformarsi in campione.

    • DY

      Mi ricordo un “caso famoso” qualche anno fa, quando Francesco Totti lasciò la Diadora prima di Euro 2004 per accordarsi con Nike, salvo fare dietrofront dopo neanche un anno, perchè si trovava meglio con le sue scarpe Diadora personalizzate:

      http://www.sport.it/articolo/calcio-euro-2004-totti-e-la-nike/

      http://archiviostorico.corriere.it/2005/gennaio/30/Totti_cambia_scarpe_sponsor_co_9_050130117.shtml

      • Imdi

        Voci di corridoio dell’epoca sostenevano che lo strappo fosse dovuto anche a quello che successe durante l’Europeo, d’altronde Nike non è la prima volta che rescinde facilmente i contratti dopo vicende negative internazionali (vedi Armstrong per la vicenda doping e Terry-Umbro un mese fa per la vicenda razzismo).

    • el bomber

      concordo pienamente…per me le migliori scarpe che esistono sulla faccia del pianeta sono quelle artigianali CALCIO ITALIA… FANTASTICHE!!!!!!!!!!!!

  • Stavrogin

    Certo, è ovvio.
    Proprio per questo io limiterei la concorrenza tra marchi di scarpe alla leggerezza, alla comodità, al modo in cui calzano insomma (oltre che all’estetica).
    Addurre considerazioni come “Sprintweb è la struttura 3D che si trova sulla superficie della scarpa e consente un eccezionale controllo di palla in velocità grazie ad una struttura flessibile ma allo stesso tempo stabile” o qualcosa di equivalente sulle “Lethal zones” per Adidas è un po’ ridicolo.

    Non è una critica al tuo articolo, chiaramente, ma alle case produttrici (o meglio, ai consumatori-pecore che danno modo alle case produttrici di fare leva su cose del genere).

  • Maver

    Ma quanto può essere credibile questa lotta tra scarpini Nike e scarpini Adidas, se nell’articolo precedente Cristiano Ronaldo pubblicizza un paio Nike forgiato apposta per lui, mentre in questo articolo si afferma che utilizzerà scarpe Adidas?
    Cosa fa: usa un paio mischiato? La destra Adidas e la Sinistra Nike???
    E’ come tifare contemporaneamente per Inter e Milan…

    • Stavrogin

      ?

      Mi sa che hai frainteso qualcosa. Non c’è affatto scritto qui che CR indosserà scarpe Adidas.

    • passionemaglie.it

      Ma no, Ronaldo usa solo Nike, qui si parla di Messi che indossa le adidas 🙂

    • rudiger

      Però, mica male l’idea di una marca su un piede e una sull’altro. Vuoi vedere che qualcuno prima o poi… Visto che i piedi sono due perché non stipulare due contratti di sponsorizzazione? Ovviamente uno come Messi si farebbe pagare di più la sponsorizzazione del piede sinistro.

    • Maver

      Ahahah scusate…che pirla…avevo cmpletamente saltato la parola Nike nella prima frase dell’articolo…scusate ahahah

    • Stavrogin

      Ehm… già… 😉

  • F093

    A tal prosposito ricordo quando a 10 anni ricevetti come regalo di Natale dai miei nonni un paio di bellissimi scarpini “pantofola d’oro”.
    Alla prima partitella tra amici li indossai orgoglioso, pensando di poter giocare meglio di BrunoConti….
    Dopo il terzo gol fallito (causa piedi sbilenchi e controllo simil-epilettico) ebbi l’illuminazione che la bravura non dipendeva “esattamente” dal tipo di scarpa utilizzato.
    Anche perchè il mio vicino di casa indossando jeans e (puzzolentissime) Superga da tennis fece il fenomeno vero… 🙂 🙂

    Sostanza, non forma
    F093 old style

  • SHOWDEBOLA

    ma io dico…non sò se avete notato la differenza anche nel modello precedente trà il modello in pelle e quello in synth…dai qualitativamente in questo modello la differenza è totale e scandalosa…troppo plasticose quelle in sintetico plasticaccia…in pelle tutta la vita

  • inter

    belle ma nn troppo essere indossate da me

  • walter

    a mio parere quel tipo di pelle sintetica è pessima. l’ho provata su un paio di f50i che si sono tagliate per semplici contrasti di gioco. avevo precedentemente le vecchie f50 e mi erano durate anni (circa 30-40 partite l’anno, mi pare per 3-4 anni). se le dovessi prendere opterei per la versione in pelle normale.

  • Pingback: Giuseppe Rossi è il nuovo testimonial adidas, indosserà le adizero F50()