SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Sono state presentate oggi, presso la Sala degli Stucchi di Palazzo Trissino, le maglie del Vicenza Calcio 2012-2013. Lo sponsor tecnico è Macron che ha firmato un contratto di 5 anni con il club biancorosso.

A fare gli onori di casa è stato Achille Variati, sindaco di Vicenza: “…I colori del Vicenza calcio sono i colori della città di Vicenza e quindi appartengono a tutti i cittadini, sia a chi è tifoso del calcio sia a chi non lo è. In ogni caso nessuno resta insensibile alle vittorie e alle sconfitte della squadra della città. Per questo mi auguro che tutta la squadra di calcio cittadina dia il massimo dal punto di vista sportivo dimostrando anche professionalità e correttezza. E che il nuovo campionato si riveli ricco di emozioni ricordando in ogni caso che si tratta pur sempre di un gioco. Un in bocca al lupo a tutta la squadra…”.

Presentazione maglie Vicenza 2012-13

Subito dopo è stato il turno del presidente del Vicenza Calcio, Massimo Masolo, il quale ha dichiarato: “Dopo una estate “bollente” il calcio ci concede lo spazio per continuare a sognare e ambire ad un campionato che possa essere certamente migliore di quello dello scorso anno. Il mio personale ringraziamento all’amministrazione comunale e a Banca Popolare di Vicenza, qualificato partner che ci accompagna da diverse stagioni e che non mancherà di affiancarci anche in futuro. Il mio ringraziamento va esteso anche a Macron con la speranza che il binomio possa essere sicuramente foriero di reciproche soddisfazioni”.

Tutte le divise riportano lo stemma societario a destra e la storica R del Lanerossi a sinistra. Il main sponsor è Banca Popolare di Vicenza.

Vicenza prima maglia 2012-2013

La prima maglia, studiata ah hoc da Macron in collaborazione con il club, si presenta nel classico motivo a righe biancorosse con una vestibilità standard e un tessuto particolare che garantisce comfort e resistenza agli strappi. Il girocollo e i polsini sono in maglieria.

I calzoncini sono bianchi con un bordino biancorosso sui lati, lo stemma del Vicenza sulla gamba destra e il lettering Macron su quella sinistra.

Seconda maglia Vicenza 2012-2013

In trasferta la divisa si colora di nero con inserti bianchi e rossi in micro-mesh sulle maniche, lo scollo è a V. La vestibilità è aderente per valorizzare la fisicità degli atleti, ottenuta grazie ad uno speciale tessuto che consente di muoversi liberamente riducendo gli attriti e lasciando traspirare la pelle.

La terza maglia è proposta in verde fluo con inserti bianchi e rossi sulle maniche e sui fianchi che richiamano i colori sociali. E’ anch’essa costruita con un collo a V, arricchito da inserti in costina e presenta una vestibilità slim fit.

Vicenza terza maglia 2012-2013 Macron

Il Vicenza, ripescato in Serie B dopo l’esclusione del Lecce, ha esordito nella prima partita disputata a La Spezia con una muta provvisoria. Sabato contro il Cesena ci sarà il debutto in casa con le nuove maglie ufficiali.

  • raido

    Non male, ma devo vederla meglio. Sicuramente sopra la sufficienza.

  • Ryukashy

    Alla terza mi è venuto un mezzo attacco epilettico, ma pazienza. Grandiosa l’idea della R celebrativa, anche se ovviamente continuo a chiedermi perché gli sponsor preferiscano le pataccone alla modifica delle scritte con colori a contrasto. Misteri dell’economia (del design no di sicuro…).

    • Matteo23

      Il Vicenza ha sempre avuto la R sul petto, questa non è celebrativa. Sugli sponsor sono d’accordo con te: meglio una scritta a contrasto che una toppa, mi sembra però che negli ultimi tempi un po’ tutti stiano cercando questa soluzione del toppone.

      • Nyk85

        La R è presente sulle casacche dalla stagione 2006/2007, mica da sempre. E’ un tributo (gentilmente concessoci dalla Marzotto, proprietaria di marchio e logo Lanerossi) al, per noi tifosi mitico, Lanerossi Vicenza.

    • http://www.liveshow-nicolaprati.com 19Nick87

      Sulla prima maglia il fondo bianco allo sponsor ci può anche stare bene, sulla seconda e la terza assolutamente no!
      Comunque bello come kit il primo, buono il secondo, accettabile il terzo (è pur sempre una terza maglia!).. L’unico aggiustamento che avrei previsto è, sulla prima e sulla terza maglia, lo sponsor tecnico inserito al centro, sotto il colletto, come nella seconda divisa.

      • Roberto

        Verissimo, lo sponsor tecnico sopra lo stemma nella home sta malissimo!!! X il resto sono buone maglie

  • Biagio

    Quindi sabato hanno giocato con una maglia provvisoria! xD

  • Blackandblue

    Non mi pare che contro lo Spezia abbiano usato una di queste… Qualcuno sa dirmi qualcosa di più?

    • passionemaglie.it

      Ultimo paragrafo dell’articolo 🙂

  • Frenz

    Un buon lavoro di macron, mi piace il colletto e il simbolo LaneRossi. Bella anche la nera, tra laltro mi pare di ricordare che fu il Vicenza negli anni 90 a lanciare la moda delle divise away in nero.

  • ccc

    belle entrambe, soprattutto la home

  • corry_32

    le maglie del vicenza di solito sono sempre belle…il simbolo della LaneRossi è fantastico riproporlo…ancora non sò però cmq inquadrare invece lo stemma a destra…peccato per la sponsor toppa….se non ci fosse la prima sarebbe bellissima e le altre 2 buone! 🙂 buon lavoro della macron! 🙂

  • Wario

    not bad… sicuramente sopra il 6… però continuo a non capire gli sponsor che anche sulle maglie tinta unita mettono la toppa… sulla nera “banco popolare…” poteva essere scritto in bianco senza la toppa e sulla verdina, in blu senza toppa bianca… che razza di mente ci vuole per capire una cosa del genere?? devo davvero pensare che non ci sia una persona intelligente che lavora nelle aziende(soprattutto italiane)? non penso… eppure

    • GIGIO

      Come la toppa Jeep sulle maglie della Juve.
      Che non sono prodotte da un’azienda italiana…

      • wario

        gigio se sai leggere, noterai che ho scritto SOPRATTUTTO italiane… non SOLO… quindi il tuo commento non ha il benchè minimo senso in risposta al mio… 🙂

        • wario

          gigio scusa a prima vista il tuo commento mi è sembrato come se non avessi capito e mi stessi correggendo… in effetti rileggendo non sembravi provocatorio… perdona la mia risposta… giornatina NO… 😉

    • MEFISTO

      L’Italia…paese delle toppe….

      Non capisco se sia veramente una questione di visibilità o di risparmio.

  • Torto #13

    Bella la home, mentre mi lasciano un po’ a desiderare la away e la third.

  • Oz

    Un po’ tristine… Non vanno male, soprattutto la prima, ma si poteva fare di meglio, per esempio allungando le strisce fin sulle spalle. Seconda (molto triste) e terza (colore terrificante) da calcio dilettanti. Rispetto a Max siamo su un altro pianeta, ma nel complesso sono un po’ deluso da questo debutto di Macron: pensare che in catalogo c’era la maglia perfetta…

  • ciguy

    Molto buona la prima, sgradevoli (dal mio punto di vista) la seconda e la terza.

    Parentesi (semi)provocatoria: comunque la ‘R’ del Lanerossi concettualmente non è troppo diversa dal simbolo della Red Bull Salzburg..

    • Oz

      Concettualmente, la differenza la fa la storia.

      • DY

        Quando c’era il Lanerossi-Vicenza, la Red Bull era ancora di là da venire…

      • ciguy

        Beh quindi fra N anni anche per il Salzburg (per dire) Red Bull sarà storico, quindi da meritare il logo a posto del cuore?
        Così come, procedendo così, sempre fra N anni i colori sociali della Roma saranno il Rosso-Arancio.

        Insomma, non che abbia nulla contro la ‘R’, per cintenderci, solo che noto un pò di ipocrisia nel giudicare in modo diametralmente opposto cose che, invece, sono oggettivamente parecchio simili!

        • DY

          Concettualmente l’abbinamento sponsor-squadra è lo stesso in termini pratici, ma la ‘R’ del Lanerossi è SOLO del Vicenza, a differenza delle squadre Red Bull in giro per il mondo, tutte con lo stesso identico stemma, a cui viene cambiato soltanto il nome della città (Salzburg, NY, ecc…)

          L’abbinamento Lanerossi-Vicenza, nato inizialmente come sponsorizzazione, ha finito per creare un legame unico nel panorama calcistico (ancira oggi il Vicenza per i suoi tifosi è “il Lane”); quello delle squadre Red Bull è solo marketing, né più né meno (e ad es. i tifosi del Salisburgo sono i primi ad esserne scontenti). La differenza tra Lanerossi e Red Bull c’è eccome.

        • Erre902

          No non è ipocrisia, solamente è che a vicenza tutti identificano il simbolo del vicenza calcio con la R del Lanerossi, e non con l’attuale stemma societario. Tanto che la R va sul cuore, mentre la stemma anche se non ci fosse nessuno se ne accorgerebbe… cmq non è solo una questione di anni di permanenza sulle maglie ma anche di atteggiamento nei confronti dei tifosi che il lanerossi aveva ottimi. Il paragone con il red bull salzburg non regge inquanto loro hanno imposto il cambio dello stemma, delle maglie, dei colori sociali, insomma di tutto per il marchio red bull e cmq il concetto della R non è come gli esempi che hai portato tu. Ma sarebbe un po’ come vedere l’inter senza sponsor pirelli farebbe un po’ strano..

    • http://fulgor2009.blogspot.it/ Diego

      la penso anche io così…non la riproporrei ogni stagione anche se era presente negli anni d’oro! Allora il Parma dovrebbe giocare solo in gialloblù ecc…

      • DY

        Non potevi scegliere esempio più sbagliato! 😀

    • passionemaglie.it

      @Diego
      Ti avviso, rischi il ban 😀 😀

      • Giglio66

        ehehe..ha toccato un tasto dolente….

      • http://fulgor2009.blogspot.it/ Diego

        seguendo la logica Lanerossi -> anni belli è come dire Parmalat -> tempi d’oro…non sarò vicentino e quindi non capirò ma ho sempre odiato lo sponsor che va a cambiare il nome alla squadra…in qualsiasi sport!

        • Nyk85

          La storia del Lane è un po’ diversa. Semplicemente mentre prima Lanerossi era solo una sponsorizzazione dell’A.C. Vicenza (che aveva il suo stemma presente sulle maglie) attorno agli anni 60 semplicemente la Lanerossi acquisì la squadra mantenendone i colori sociali e nominandola Lanerossi Vicenza (non fu un caso unico in italia). L’operazione è simile a quella di Red Bull con la grossa differenza del rapporto già strettissimo tra nuovi proprietari e società visti gli accordi di sponsorizzazione precedenti.

        • DY

          @Nik85, niente sponsorizzazioni, che all’epoca erano ancora *vietate* nel calcio italiano. Le sponsorizzazioni vennero permesse ufficialmente da FIGC e Lega Calcio solo dalla stagione 1981-82 (dopo che nelle due stagioni precedenti c’era stato un moltiplicarsi di tentativi, più o meno legali, da parte dei club italiani di inserire marchi commerciali sulle proprie maglie – il primo caso fu il Perugia del 1979-80).

          Per quanto riguarda il Vicenza, la storia è questa: nel 1953 la Lanerossi acquisì l’AC Vicenza (i cosiddetti ‘abbinamenti’ tanto in voga in quegli anni nel calcio) e lo trasformò di fatto in una costola dell’azienda, diventando appunto Lanerossi-Vicenza.
          Solo dopo quest’abbinamento, sulle maglie biancorosse iniziò a comparire la ‘R’, il logo della Lanerossi (che ripeto, *non* poteva essere inteso come sponsor, ma solo come stemma societario della nuova squadra).
          L’abbinamento era appunto una fusione tra un’azienda e una squadra di calcio in un’unica ragione sociale, generando di fatto un nuovo soggetto, *diverso* dal club precedente.

          Altri casi simili di abbinamenti commerciali di quegli anni furono il Simmenthal-Monza, il Talmone-Torino, l’Ozo-Mantova, ecc… senza dimenticare i precedenti abbinamenti sorti in emergenza nel periodo di guerra – solo per continuare l’attività agonistica – come Juventus-Cisitalia (1942) e Torino-FIAT (1944).

    • andrea

      Cosa c’entra la red bull con la R del Lanerossi????? manco esisteva la red bull non sta nemmeno paragonarli valà!!!!

  • Moa

    Maglia bella, anche se avrei preferito sulle maniche le righe uguali a quelle sul corpo della maglia.
    I due loghi intasano un pò il tutto io per esempio avrei messo quello societario con la V sulla manicha sinistra (in stile Sampdoria? e abbassare quello Macron.

    • Moa

      *pardon manica 🙂

  • v

    mi incuriosisce il colore della terza! sembrerebbe più latte-menta che fluo, il primo sarebbe interessante, il secondo pessimo. male la toppa sotto lo sponsor.

  • DY

    Bah… per quanto riguarda la prima maglia, preferivo l’ultima di Max Sport.

    Riguardo invece alla seconda maglia, sarebbe molto bella… ma come anche per la terza, il pataccone dello sponsor rovina tutto.

    Nota a margine per la seconda e terza casacca: quando vedo lo stemma societario inserito così, poi in ce la faccio più a criticare Adidas, quando va a cambiare i colori degli stemmi dei suoi club sulle seconde maglie. Ragazzi, seriamente: lo stemam del Vicenza inserito così sembra il secondo sponsor! 🙁
    Quanto sarebbe stata bella la seconda maglia, con lo stemma in negativo (bianco su nero) e lo sponsor senza pataccone?

    • DY

      Aggiungo dei particolare che noto solo ora ad un secondo sguardo.

      Nelle ultime stagioni, la tanto criticata Max Sport era comunque riuscita a fare una cosa semplicissima, cioè ‘scontornare’ correttamente lo stemma societario del Vicenza (la ‘base’ della ‘V’ che esce dallo stemma)…
      http://image2.officinaidee.com/14233_L.jpg
      …cosa che invece Macron non è riuscita a fare, inserendo un semplice quadrato bianco 🙁

      Sull’inserimento dello sponsor non mi esprimo, è sempre difficile inserirlo elegantemente sulle maglie a righe verticali.
      Faccio però notare che il nome della Banca è stato scritto con un font diverso (un comune ‘Arial’) rispetto a quello utilizzato dalla Banca nel suo logo ufficiale!
      http://it.wikipedia.org/wiki/File:Logo_Banca_Popolare_di_Vicenza.png

      Sono piccoli particolari, ma messi insieme, danno l’idea di una maglia poco curata. Per come ci ha abituato Macron, si doveva fare di più.

      • Nyk85

        Beh… Conta che è una maglia realizzata in 2 settimane, se tutto va bene, ossia dalla prima notizia del ripescaggio ad oggi. Nella peggiore delle ipotesi l’han concepita tra Giovedì della settimana scorsa, quando c’è stata la notizia del definitivo ripescaggio, ed il giorno della presentazione. Fatta in fretta e furia. Speriamo negli anni prossimi riescano a curarla meglio.

  • Filippo

    Bella la prima,che rispetta la.tradizione delle maglie del Vicenza.
    Bella anche la seconda,che contrasta il meglio possibile con la bianco-rossa.La.terza invece è un pugno nell’occhio,non si può vedere!

  • Oz

    Piuttosto avrei spostato il logo macron al centro, sotto al colletto.

    • DY

      Esatto, avrebbe dato + equilibrio all’insieme. C’è ‘troppa roba’ su quella striscia rossa 😀

  • squaccio

    Bellissima.
    Ma i numeri saranno neri ?
    Sono curioso di vedere il font, perchè già nero su biancorosso si vede poco.
    Spero in un font bello grande e squadrato……

  • Marco

    Da tifoso del Vicenza vorrei chiarire qualche punto: la “R” di Lanerossi è, contrariamente a quanto dice Matteo23, assolutamente celebrativa.
    Il marchio Lanerossi è attualmente proprietà della famiglia Marzotto, che da una decina d’anni ne ha concesso gratuitamente l’uso da parte del Vicenza Calcio.
    Per anni la R era scomparsa dalle maglie del Vicenza (precisamente dal campionato 89-90, quando la società cambiò il nome da Lanerossi Vicenza a Vicenza Calcio Spa, fino alla stagione 2001-2002, anno della celebrazione del centenario del club) ed era stata sostituita dal nuovo simbolo (la V leggermente modificata, che ancora oggi campeggia a fianco della R nelle maglie biancorosse).
    Era inevitabile che prima o poi la storica R facesse ritorno sulle divise della squadra vicentina, perchè oltre essere il simbolo per eccellenza nel cuore di noi tifosi (il Vicenza noi lo chiamiamo ancora Lanerossi, o meglio Lane..e quasi tutti i cori della curva inneggiano più al “Lanerossi” che al “Vicenza”) è anche stato il primo sponsor a marchiare una squadra di calcio italiana (dal campionato 1953) ed essere protagonista di straordinari anni sportivi per il Vicenza (20 anni consecutivi di Serie A, un secondo posto nel 77-78, campioni come Paolo Rossi e Roby Baggio ad aver indossato la casacca con la R…)!!

    Per squaccio: i numeri e i nomi sono di un blu scuro, quasi nero per la prima maglia, così come per la terza…mentre saranno bianchi per la seconda maglia.
    Qui puoi vederli: http://www.biancorossi.net/index.php?option=com_content&view=article&id=3112:vicenza-ecco-le-nuove-maglie&catid=30:news&Itemid=166

    • DY

      Ciao Marco, quasi tutto giusto quello che dici, ma ti devo correggere su un’inesattezza: il Lanerossi non è stato il primo sponsor di maglia del calcio italiano, dato che all’epoca le sponsorizzazioni calcistiche erano vietate (se fosse stato il contrario, avrebbero messo la scritta intera ‘Lanerossi’ anziché la sola ‘R’).

      Il divieto di quegli anni era ‘aggirato’ cogli “abbinamenti” (appunto, Lanerossi-Vicenza), che però erano cosa diversa dalle “sponsorizzazioni”, in quanto con l’abbinamento c’era proprio l’unione di un’azienda e di una squadra di calcio sotto un’unica ragione sociale, creando di fatto un nuovo soggetto sportivo, diverso dal club precedente.

      La prima maglia di calcio italiana sponsorizzata è stata quella del Perugia 1979-80 (Pasta Ponte).
      http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/b/b6/Michele_Nappi.jpg
      Caso curioso, invece, i primi ‘pantaloncini’ sponsorizzati furono quelli dell’Udinese in Serie B nel 1978-79 (Gelati Sanson).

    • Oz

      Se vogliamo essere precisi, la prima squadra italiana “marchiata” fu il Torino nel 1944, che diventò Torino Fiat.

      http://dinamobabel.wordpress.com/2012/04/25/calcio-sotto-le-bombe/

      • DY

        Se vogliamo essere davvero precisi, due anni prima del Torino-FIAT, nel 1942 sorse l’abbinamento Juventus-Cisitalia 😉

        • Oz

          Io sapevo che era più o meno contemporaneo. Chapeau! 😉

  • ferro

    bella la home nonostante l’irregolarita’ delle strisce sui fianchi,sufficiente la seconda, veramente brutta la terza con un colore che fa tanto pigiamone

  • BFC

    Quest’anno la Macron ha convinto solo con la maglia della Lazio.

  • Gianluca

    La biancorossa è fatta benissimo, anche i calzettoni sono davvero belli. La nera non mi convince.

  • FDV

    La prima maglia non mi convince del tutto. Molto belli colletto e bordi che si abbinano benissimo alla V dello scudetto, e look in generale inglese. Mi piace il posizionamento del letterina macron, un po’ alto ma sopra lo scudetto sta bene.
    Non mi piace la zona spalle-maniche che per me si raccorda male con le strisce, principalmente per una questione cromatica:le strisce rosse che si interrompono nel bianco sembrano sospese nel nulla, soprattutto se il profilo è stondato.

    La nera è buona anche se in genere non gradisco l’asimmetria degli inserti, sia nella forma che come in questo caso nel colore.

    Della terza mi piace il colore di base, ma gli abbinamenti con il bianco e con il rosso sono probabilmente i peggiori possibili per il verde fluo.

    Nota sullo sponsor: apprezzabile il formato della toppa sulla prima maglia, che minimizza il disturbo, comprensibile sulla verde fluo dato che in ogni altro caso sarebbe stato illeggibile, pessimo sulla maglia nera quando sarebbe stato ovvio un semplice lettering bianco oltre al logo.
    Pero mi piacciono gli sponsor bancari che portano il nome cella locale ed in questo caso della squadra sulla maglia.

    • rudiger

      Prima o poi dovremo parlare seriamente di questa tua insana “tendenza” verso i colori flourescenti: sono sicuro che è curabile 🙂

      • FDV

        E’ solo nostalgia del Borussia Dortmund anni ’90!

        • rudiger

          Allora è incurabile.

  • Lino

    Io le boccio tutte. La maglia del Vicenza mi è sempre piaciuta molto, ma aborro le maniche monocolore. Non mi sono mai piaciute nemmeno le divise nere, così come trovo terribile il verdino della terza.

  • super gs

    belle, belli i calzettoni e il font dei numeri

  • http://www.marcellinux.it Marcello Cannarsa

    bellissima la prima

  • Nyk85

    La prima, personalmente e da tifoso vicentino, piace molto. La seconda finalmente senza il fascione trasversale biacorosso modello river plate secondo me fa un passo avanti come eleganza. La terza ha quel colore verde pistacchio smorto che non si può vedere… Piuttosto avrei preferito usare la maglia da portiere (che qui non è riportata) che di base ha un blu acceso che ricorda un pò la terza maglia Lotto del 97/98 quando ci si giocava la Coppa delle Coppe.

    • Alberto

      Quella nella prima foto non è la blu da portiere?

      • Nyk85

        Effettivamente hai ragione… Non avevo notato la prima foto… Sorry. Cmq sì. Quella nella prima foto è la tenuta da portiere ed infatti è indossata da Pinsoglio, portiere titolare (che però ieri contro il Cesena ha usato un completo arancione fluo).

  • Pietro

    Domanda,
    Il kit azzurro nella foto e’ quello dei portieri o quello da allenamento?

  • Oz

    Portiere

  • mannis

    peccato per lo sponsor.. da anti-vicentino cmq debbo ahimè dire che la home mi piace parecchio.. 😛 non dimentichiamo che queste divise avrebbero dovuto prendere parte al campionato di C1.. pesiamo anche i giudizi 🙂
    la R sul cuore e lo stemma di la è una scelta ottima..
    non do voti.. ma questa maglia merita..

    • Nyk85

      E infatti credo sia stata progettata dopo il ripescaggio in serie B. La partita contro di voi abbiamo giocato con una “muta provvisoria” che essendo derivata direttamente da un modello del catalogo probabilmente sarebbe anche stata la divisa ufficiale in caso fossimo rimasti in Lega Pro.

  • Becks

    Ma non potevano farla così (però in quarti) anche per il Bologna??? W la semplicità!

  • moreno

    non ho mai capito il perchè delle maglie nere, quella verde…oh, che orrore! bene il biancorosso e quella blu, che essendo quarta maglia vedremo, forse, una volta. MA I NOSTRI COLORI SONO BIANCOROSSI, perchè non lavorare solo su questi due?

  • zero91

    non so se altri lo hanno gia detto però a me sembrano maglie di varie stagioni messe assieme:per empio la prima maglia…magliaetta e pantaloncini (2011/2012)e calzettoni (2012/2013)…maglia away uguale a quella da portiere della lazio (2012/2013)e la terza(2011/2012) come quella del bologna,mantre quella del portiere è il modello del(2008/2009)se non sbaglio,cmq risale a quella stagione o alla successiva….

  • peppe

    Belle

  • rudiger

    Do atto a macron di curare i dettagli anche nelle serie minori, peró il risultato non mi piace.
    Un po’ per la disposizione delle strisce, un po’ per gli sponsor rattoppati, un po’ perché il biancorosso non rientra tra i miei abbinamenti preferiti. Mi chiedo: la R blu non potevano metterla su una steiscia bianca?
    La seconda è anonima. La terza mi ricorda le conseguenze di una mia recente cena in un ristorante cinese che evidentemente usava ingredienti andati a male.

  • http://Yahoo Eugenio

    Mi piacciono, ma la home mi delude, specie indossata in campo. Ma il difetto peggiore di tutte e quattro le divise é quella dannata toppa!!!!
    Voti: 6 7 7 7

  • jojo

    niente di particolare, pessima la scelta di mettere il logo Macron sopra quello societario, brutta la terza maglia fluo.

  • Bigotto

    prima e seconda belline, terza un poco meno ma è sempre una terza divisa

  • guerra35

    Home e Away belle,non male anche la divisa da portiere mentre la third non mi piace affatto