SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Il NEC Nijmegen ha annunciato la firma con lo sponsor tecnico Warrior per i prossimi tre anni.

Dal 2014-15 il brand americano di proprietà della New Balance, noto per le sponsorizzazioni con Liverpool e Siviglia, sbarcherà anche nei Paesi Bassi.

Warrior sponsor tecnico NEC

Lo scorso Dicembre il club olandese aveva indetto un kit vote per far scegliere ai tifosi la maglia della prossima stagione, alla quale sarà dunque aggiunto il logo di Warrior. Nella nuova casacca il rosso e il verde confluiranno anche sulle maniche, mentre il nero sarà utilizzato per il colletto, sul bordo delle maniche e per disegnare lo skyline della città sul fondo.

Bozza maglia NEC 2014-15

Il direttore generale del NEC Nijmegen, Bart van Ingen, si è detto entusiasta dell’accordo con Warrior e spera che questa partnership dia nuova linfa ai calciatori per tentare di rimanere in Eredivisie. Nella stagione in corso, infatti, il NEC è attualmente al penultimo posto.

Chiudiamo con una domanda: vi piacerebbe vedere Warrior anche nel campionato italiano?

  • antonio

    Non sarebbe male averla in Italia, potrebbe fare un buon lavoro per squadre di media alta classifica come Udinese, Fiorentina, Lazio o simili e se non sbaglio c’era stata una trattativa con la Roma che ha poi scelto nike per altri motivi.
    le maglie che sviluppano sono coraggiose ma innovative ed in alcuni casi ben riuscite.

  • jojo

    Allora, di per sè il modello scelto dai tifosi non è male devo dire, meglio di altre proposte, però se penso alle maglie away di Siviglia e Liverpool mi viene il volta stomaco, sono tra le peggiori in europa. Poi a me personalmente Warrior non piace, meglio Under Armor a questo punto, cmq staremo a vedere. In Italia non avrebbe tutto questo successo secondo me.

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Proposta di maglia bella, direi. Forse avrei evitato lo skyline della città sul fondo, oppure lo avrei abbassato diminuendo lo spessore della banda nera.
    Warrior in Italia ci potrebbe stare, visti i buoni lavori fatti con la divisa home del Liverpool oppure con il Siviglia. Certo poi c’è l’altra faccia della medaglia, le divise away (dei Reds, ad esempio) sono un po’ troppo azzardate e fantasy.

  • Toto

    In una nazione dove alcuni club indossano Givova e Legea (il peggio del peggio del peggio)..non vedrei male un prodotto del genere, sicuramente superiore x qualita’, stile & innovazione

  • Lord Balod

    In Italia Warrior non potrebbe nemmeno tirar fuori un bozzetto senza subire le lamentele dei tifosi…qui la tradizione è religione,ai limiti del fanatismo.Lo dimostra lo scialbo operato di Kappa per Sampdoria e Torino confrontato con il Borussia Moenchengladbach o quelle negli anni passati di Borussia Dortmund e Werder Brema.Io personalmente ho apprezzato tantissimo il lavoro di Warrior per il Liverpool,tant’è che ho acquistato le maglie away dell’anno scorso,la terza di quest’anno e la seconda da portiere sempre 2013-2014 dei Reds.Qui è impossibile osare qualcosa,due secondi dopo la presentazione ci sarebbero feroci proteste davanti alla sede del club

    • Dukla

      Le “feroci proteste” cui accenni sarebbero il minimo, se combinassero qua quello che si sono permessi di fare per i Reds…

    • Passione Maglie

      @Lord Balod
      Lo scialbo operato di Kappa per l’Italia e la Germania è dipeso dal fatto che i disegnatori sono completamente diversi. Kappa Deutschland lavora in proprio e in ogni caso in Germania parlare di kit tradizionali è difficile.

      A meno di gaffe clamorose (es. fare una maglia celeste alla Roma) si può osare anche in Italia senza temere grosse proteste.

      • Geeno Lateeno

        Beh anche una maglia della Fiorentina a strisce verticali bianconere sarebbe una bella scommessa
        🙂

    • Daniele Costantini

      In Italia, in passato abbiamo già visto una Lazio in maglia rossa ( http://www.museodellemaglie.it/it/images/1982-1983/foto.azione.magliarossa1982.83.jpg ), e un Milan in maglia azzurra ( http://webzoom.freewebs.com/acmilanfootballshirts/photos/La-leggenda-del-Milan-nelle-sue-maglie-1992-2002/ac%20milan%201995-96%204%20futre.jpg ), senza dimenticate la recente maglietta rossa dell’Inter che tante polemiche creò (in Curva Nord, perché invece nella vendite fu un successo rispetto alla home…).

      In fatto di maglie, nel calcio tedesco c’è una cultura completamente diversa – ovvero, molto meno “rigida” – rispetto a quella italiana, motivo in più perché di stagione in stagione si assista a un turbinio di template più unico che raro; ciò non toglie che anche in Italia si può tranquillamente sperimentare e andare oltre la tradizione: vedi la già citata ‘maglia-bandiera’ della Lazio, la Juve 1997-98, quella che probabilmente sarà la divisa del Milan 2014-15 e soprattutto l’Udinese, la più ‘tedesca’ delle squadre italiane, che nell’ultimo trentennio ha proposto una varietà infinita di template, tra pali, fasce e strisce!

      • Niccolò Mailli

        @ Daniele

        Ho letto il tuo commento e quando ho visto la Lazio in rosso mi si è accesa una lampadina.
        La Lazio fa il riscaldamento pre partita vestita da Roma!!!! E’ vero che non parliamo di maglie da gara ma non c’è una somiglianza eretica con le maglie della squadra di Garcia?

        Vorrei il parere di un tifoso laziale: visto che Macron sceglie i prodotti in ottica commerciale, tu la compreresti questa divisa da allenamento? E a un tifoso della Roma che effetto fa vedere i cugini vestiti da lupacchiotti??

        http://media.calcioblog.it/9/9ad/riscaldamento-620×350.jpg

      • Niccolò Mailli

        Qui si vede meglio: http://goo.gl/HncYZj

        • Daniele Costantini

          Se proprio vogliamo fare i pignoli, il colore delle magliette d’allenamento laziali lo vedo più vicino al bordeaux che non al vanonico rosso porpora della AS Roma… 😀 😀 😀

          Scherzi a parte, come già era stato fatto notare in passato nel blog… se i tifosi biancocelesti non hanno protestato quando la squadra sollevava coppe, indossando una maglia gialla con un pomodoro rosso sul petto ( http://goo.gl/7YhBna ), dubito che possano turbarsi per una t-shirt prepartita 🙂

          D’altronde, anche la Roma “rischiò”, quando all’inizio degli anni duemila propose una third blu ( http://goo.gl/VT8nzj ); che non sarà il celeste, ma andava comunque a lambire pericolosamente l’universo cromatico dei cugini…

    • Simone

      Basterebbe ascoltare di più i suggerimenti dei tifosi, e poi volendo si può sperimentare qualcosa di anno in anno.

      Sono tifoso del Toro e per la away l’idea principale è quella della banda diagonale stile River Plate, ma se vedo una banda orizzontale (tipo questa http://i.ebayimg.com/t/MAGLIA-TORINO-CALCIO-2004-05-/00/s/MTU5MlgxNTY0/z/–gAAOxyB9RSzrly/$_35.JPG ) oppure le maniche granata in stile Arsenal classico, e questo è un discorso che potrebbe valere anche per la third celeste per ricreare un’atmosfera inglese… Che lo faccia Kappa, Warrior, Lotto o Macron me ne importa poco.
      Potrebbero riutilizzare anche i vecchi template ABM ( http://i.imgur.com/ClTaUpr.png ) o Lotto ( http://i.imgur.com/aHsxxPj.png ), mi basterebbe la cura dei dettagli in una buona realizzazione.

      • Daniele Costantini

        Ricordo che il Toro, nel campionato 2007-08, sperimentò una third – usata solo a Napoli – a righe verticali arancionere ( http://www.toroshirts.it/common/img/img_players/a_zanetti0708.jpg ), che riprendeva una storica partitura usata, a cavallo tra ‘800 e ‘900, da varie squadre della città; Nobili Torino, Internazionale Torino, FC Torinese…

  • Swan

    Questa nuova maglia del NEC mi sembra buona, migliore di quella attuale. Giusto dare più spazio al verde ed al rosso con il nero presente su colletto, bordomanica e, suppongo, pantaloncini e calze.
    Ciò che trovo superfluo sono il disegno dell’ Aquila sulla spalla e dello skyline di Nijmegen, appesantiscono la maglia. Curioso a questo punto di vedere come sarà la away.
    Anch’io penso che le maglie futuristiche di Warrior sarebbero troppo criticate in Italia dove i templates delle maglie sono sempre gli stessi e comunque, in generale, a parte i tre top club, le romane e forse il Napoli, il mercato italiano sia poco appetibile per nuovi investimenti.

    • NHT

      “a parte i tre top club, le romane e forse il Napoli, il mercato italiano sia poco appetibile per nuovi investimenti.”

      posso darti ragione, ma se hanno investito sul nec (!) allora possono investire su chiunque 😀

  • cisky

    Io in Italia preferirei rivedere Admiral, Umbro, magari anche Hummel e Uhlsport

  • LM

    Bene, di certo meglio dei lavori attuali di Hummel, che non mi erano mai piaciuti. In ogni caso, con questa maglia Warrior si può sbizzarrire, visti i colori e le possibilità alte di fare una away particolare e stravagante. In ogni caso, felice dell’espansione di Warrior, un pò d’aria fresca in questo settore non fa mai male.

  • nicored

    Tutti a criticare warrior
    Io da tifoso del Liverpool dico che le maglie sono stupende e anche comode
    Pensiamo al milan e alla sua terza maglia di ADIDAS o le cagate del Napoli della MACRON

    • Dukla

      Complimenti per l’elegante retorica …

  • rudiger

    Quando vedo una maglia così… ardita, sulle prime sono indulgente; magari apprezzo il coraggio, o l’estro di chi l’ha fatta. Alcune volte però, prima di commentare penso: se fosse la prossima maglia della mia squadra? Se Nike si presentasse con una maglia mezza gialla e mezza rossa, con una lupa nera sulla spalla e il panorama del Gianicolo sul… basso ventre?
    Beh, probabilmente preparerei le fiaccole e affilerei il forcone.

    • Fly

      Nike non dovrebbe presentarsi con una maglia mezza gialla e mezza rossa, in quanto semplicemente non è la maglia della Roma. Warrior si presenta con la maglia mezza verde e mezza rossa con rifiniture nere, poiché il NEC Nijmegen ha quella divisa da non so quanti anni (la prima volta che la vidi era sponsorizzata Lotto e il nero era ancora più invadente http://www.oldfootballshirts.com/img/shirts/281/nec-nijmegen-home-football-shirt-2006-2007-s_14523_1.jpg ). Quindi non è che Warrior non rispetti la storia di un club, almeno per le prime maglie (solo al Siviglia ha osato un po’). E poi l’han scelta i supporter, con l’aquila e lo skyline, quindi se va bene a loro…

      Anche a me fa rabbrividire l’idea dell’Inter con maglia interamente azzurra e pantaloncini neri, mentre non mi sconvolge vederla al Novara. A te la maglia del Galatasaray piace?

      Comunque, avendo una strana passione per accostamenti di colori e i kit inusuali, trovo la quella del NEC (non questa in particolare, ma in generale) una delle più belle del panorama calcistico, e soprattutto adoro l’Eredivisie per la stravaganza e unicità di alcune delle divise delle squadre partecipanti (Ajax, Heerenveen, Groningen, ADO Den Haag, Vitesse, Willem II)

  • STEFANO1979

    tolto lo skyline, è molto bella, adatta pure per la Ternana

  • Niccolò Mailli

    Ben venga Warrior nel campionato italiano. Nuovi brand sono sempre i benvenuti specialmente se lavorano bene come il brand americano.

    Vedrei bene Warrior per l’Udinese, per il Palermo, per la Ternana (come possiamo vedere da questa divisa dell’NEC) e per lo Spezia.

    Fino a questo momento mi sono piaciute tutte le divise home delle squadre Warrior mentre ho trovato sempre troppo audaci le maglie da trasferta.

    Le mie preferite sono Siviglia 2013/14 e Liverpool 2012/13 home.

    • Daniele Costantini

      Nel caso della Ternana, la scelta di una maglia partita come quello del NEC avrebbe peraltro una base storica, dato che gli umbri in passato hanno saltuariamente fatto ricorso a un simile template – l’ultima volta, a metà degli anni ’60 ( http://www.databaserossoverde.it/foto/1966-67_001_.jpeg ).

      Riguardo a Warrior, personalmente trovo che fin qui abbia lavorato molto bene con le maglie casalinghe dei suoi club; è su away e third che dovrebbe invece “darsi una calmata” 😀 …o quantomento, trovare u equilibrio tra sperimentazione e tradizione: molte sue proposte in questo ambito sembrano fuori contesto rispetto ai tempi in cui viviamo, più affini alla fantasia cromatica degli anni ’90 che non all’attuale filone vintage che va per la maggiore.